fbpx

A Librino un crowdfunding per creare un laboratorio di sartoria sociale

L’iniziativa promossa dall’Associazione Musicale Etnea (Ame) è al centro del nuovo progetto sociale “Cuciamo sogni”. Nascerà nel "Polo delle Arti" della masseria Moncada gestita dalla scuola Fontanarossa

Il lavoro è occasione di riscatto; è accoglienza; è opportunità d’integrazione; è equilibrio e rinascita per molti. Il lavoro è al centro del nuovo progetto sociale “Cuciamo sogni”, approdato in questi giorni sulla piattaforma siciliana di crowdfunding Laboriusa.it. Un’iniziativa promossa dall’Associazione Musicale Etnea (Ame), fondata a Catania nel 1973, riconosciuta dal ministero della Cultura e appartenente ormai alla schiera delle organizzazioni concertistiche italiane considerate storiche. L’Ame, che nel tempo ha esteso la propria attività in settori altamente delicati – quali ospedali pediatrici e carceri minorili – offrendo il proprio contributo a sostegno di realtà a rischio di esclusione sociale; dal 2018 aderisce al Polo Catanese di Educazione interculturale, rete di scuole e associazioni nata in seno all’Istituto Comprensivo Fontanarossa – diretto dalla preside Concetta Tumminia – che ha le sue sedi a Librino (Catania).

Il “Polo delle Arti” nella masseria Moncada

A gennaio 2020 l’Ame ha inaugurato il Polo delle Arti nei locali della nuova masseria Moncada, progetto nato in seno a “Scuole aperte partecipate in rete”, presentato per il Bando “Un Passo Avanti” dell’impresa sociale “Con I Bambini”. La finalità è “attivare una rete autonoma, responsabile e solidale in grado di contrastare la povertà educativa minorile nel territorio periferico del capoluogo etneo”. Con l’iniziativa “Cuciamo sogni” si richiede alla comunità digitale un contributo “dal basso” per raggiungere l’obiettivo di 2.500 euro che serviranno per acquistare le attrezzature ed attivare il laboratorio di sartoria sociale, nuovo progetto che nasce dal dialogo con le famiglie e dall’esigenza di avviare attività che coinvolgano direttamente le mamme insieme ai ragazzi. Attività che possono avere anche a breve/medio termine un riscontro economico e lavorativo per i soggetti coinvolti, creando un nuovo brand “Made in Librino”. Il laboratorio sarà diretto da Naida Begeta, stilista bosniaca attiva tra Los Angeles e Catania, ideatrice del brand Kao Pao Shu basato negli Stati Uniti e impegnata come costume designer nel cinema, teatro e danza.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
325FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli