fbpx

Albero europeo dell’anno, per l’Italia in concorso il Castagno dei cento cavalli

Dopo aver vinto il contest italiano del 2021, il monumentale Castagno dell'Etna partecipa alla gara europea in competizione con altri 15 alberi di altrettanti Paesi. Si può votare fino al 28 febbraio. Interviste al docente di Botanica Pietro Minissale e all'ex sindaco di Sant'Alfio Leonardo Patti

La sfida è aperta: per tutto il mese di febbraio si può votare per eleggere l’albero europeo dell’anno 2022. Gli alberi monumentali europei in gara sono in tutto 16. In corsa per l’Italia c’è il Castagno dei cento cavalli. Il “Monumento di pace” riconosciuto dall’Unesco che da 3 mila anni vive a Sant’Alfio, sul versante est dell’Etna, si è aggiudicato nell’autunno scorso il concorso di albero italiano dell’anno con oltre 36 mila voti. Il concorso è organizzato per l’Italia dalla Giant trees foundation (GTF), onlus con sede vicino Udine che promuove la conoscenza, la difesa e la tutela dei grandi alberi. In Europa il grande Castagno dell’Etna dovrà competere con altri 15 alberi monumentali o che comunque hanno una storia da raccontare e rappresentano un punto di riferimento per le comunità che vivono intorno a loro.

Dalla Russia al Portogallo

Ci sono querce, tigli, castagni, sequoie e altri tipi di alberi, dalla Russia al Portogallo, passando per Francia, Spagna, Lettonia, Balcani e Paesi bassi. Sul sito del contest, si può votare per il Castagno dei cento cavalli e scoprire le affascinanti vicende che ruotano attorno agli altri alberi in gara. L’incentivo alla conoscenza di queste meraviglie della natura viene anche dal regolamento e dal meccanismo messo a punto dagli organizzatori del concorso europeo, la Environmental Partnership Association (EPA) con sede a Bruxelles. Per essere valido infatti, il voto deve essere necessariamente dato a due alberi e poi convalidato via email. Insomma, il concorso ha anche e forse soprattutto lo scopo di promuovere la conoscenza, il rispetto e l’amore per la natura.

Leggi anche – Il Castagno dei Cento cavalli in lizza per il titolo di Albero europeo

L’albero più grande al mondo

In teoria comunque il Castagno dei cento cavalli avrebbe ottimi titoli per vincere il concorso europeo. Presente da secoli nella letteratura e nelle arti figurative italiane e internazionali grazie a botanici, illustratori e letterati del periodo del Grand Tour, si può ormai considerare l’albero vivente con la circonferenza del tronco più grande al mondo. La misura riportata dal World Guinness Record è di 57,9 metri. Una misura relativa al 1780 e considerata ipotetica dal Guinness perché oggi l’albero si presenta diviso in tre polloni. Tuttavia, come scritto da Focusicilia, c’è ormai la prova del Dna a confermare che i tre polloni sono parte di un unico albero. Di conseguenza si può affermare che il nostro Castagno è l’albero più grande al mondo e forse anche il più antico.

Leggi anche – Etna, il Dna conferma: il Castagno dei cento cavalli è un immenso unico albero

Il valore botanico

Il valore botanico del Castagno dei cento cavalli è descritto da Pietro Minissale, docente di botanica all’Università di Catania. Guarda il video con l’intervista al professore Minissale

Protetto già nel 1745

Il grande albero, oggetto di un provvedimento di tutela dal 1745 e dichiarato patrimonio Unesco prima ancora che l’Etna entrasse nella lista dei patrimoni dell’umanità, ha avuto e ha ancora una grande valore simbolico, culturale, sociale ed economico per la comunità etnea e non solo. Ce ne parla Leonardo Patti, già sindaco di Sant’Alfio dal 1994 al 2003. Guarda il video con l’intervista a Leonardo Patti

L’amore di Lucio Dalla

Pochi mesi prima di morire, anche il grande Lucio Dalla aveva voluto tenere una Lectio magistralis sotto le fronde del monumentale albero. Ecco il video con il servizio di Rei TV del 4 agosto 2011

Votare per il Castagno dell’Etna

Sul sito: https://www.gianttrees.org/it/european-tree-of-the-year/2022/l-albero-italiano-in-concorso si può votare per il Castagno dei cento cavalli nel concorso per albero europeo dell’anno 2022.

- Pubblicità -
Turi Caggegi
Turi Caggegi
Giornalista professionista dal 1985, pioniere del web, ha lavorato per grandi testate nazionali, radio, Tv, web, tra cui la Repubblica e Panorama. Nel 1996 ha realizzato da Catania il primo Tg online in Italia (Telecolor). È stato manager in importanti società editoriali e internet in Italia e all’estero. Nel 2013 ha realizzato la prima App sull’Etna per celebrarne l’ingresso nel patrimonio Unesco. Speaker all’Internet Festival di Pisa dal 2015 al 2018, collabora con ViniMilo, Le Guide di Repubblica e FocuSicilia. Etnalover a tempo pieno.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

19,385FansMi piace
462FollowerSegui
313FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli