fbpx

Bando autostrada Ragusa-Catania, gli imprenditori etnei diffidano Anas

La realizzazione del tanto atteso collegamento stradale secondo Confindustria Catania "rimane ancora nel limbo dell'incertezza a causa del mancato adeguamento dei prezzi che non consente alle imprese di partecipare al bando con offerte congrue"

“Un rimpallo di responsabilità che rischia di bloccare un’arteria strategica del sistema viario della Sicilia”. Così scrive Confindustria Catania in merito alla procedura di gara per l’affidamento dell’appalto “Itinerario Ragusa – Catania”, annunciando una diffida nei confronti dell’Anas. Secondo gli industriali catanesi “rimane ancora nel limbo dell’incertezza a causa del mancato adeguamento dei prezzi che non consente alle imprese di partecipare al bando con offerte congrue”. Nelle scorse settimane Confindustria Catania aveva già sollevato la questione rilevando come l’aumento dei prezzi delle materie prime e il caro-energia si fossero abbattuti  sulle imprese con effetti a catena sulla tenuta del sistema produttivo. 

Leggi anche – Dl Aiuti pronto al varo: dai 200 euro alle famiglie al credito d’imposta energetico

Adeguamento dei prezzi previsto dal “Dl Aiuti”

L’impatto dei maggiori costi, secondo quanto calcolato dalle imprese, riguarda trasversalmente una molteplicità di prodotti: solo l’acciaio ha subito negli ultimi mesi un aumento del 70 per cento, il legname del 78, il bitume del 36. Una situazione che si è ulteriormente  aggravata a causa della crisi internazionale determinata dal conflitto in atto in Ucraina. Ecco perché le principali imprese di costruzione hanno inviato una diffida all’Anas nella quale si chiede l’annullamento del bando e la ripubblicazione della gara con importi adeguati e in linea con gli attuali valori di mercato. Per le imprese risulta “incomprensibile, infatti, il motivo per il quale non si  tenga in considerazione l’obbligo di  aggiornare i prezziari, previsto anche dal DL 50/22 (cosiddetto Dl Aiuti, ndr), varato proprio per fronteggiare  con estrema urgenza l’escalation dei prezzi. Un obbligo,  questo, al quale si stanno giustamente attenendo altre stazioni appaltanti, come la Rete Ferroviaria Italiana, che sta procedendo ad una valutazione delle tariffe poste a base della gara riguardante un tratto della linea ferroviaria Palermo-Catania”, conclude la nota di Confindustria Catania.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

19,385FansMi piace
462FollowerSegui
313FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli