fbpx

Benzinai, revocato il secondo giorno di sciopero ma non c’è intesa col Governo

Le associazioni hanno deciso di riaprire gli stabilimenti nella giornata di domani, malgrado l'accordo con l'Esecutivo sia ancora lontano. "Dialogo costruttivo con il ministero, ma restano molte criticità", hanno detto a margine dell'incontro Fegica Cisl e Figisc Confcommercio

Revocata la seconda giornata di sciopero dei gestori dei benzinai, “una scelta a favore degli automobilisti, non certo del Governo”. È quanto annunciato da Fegica Cisl e Figisc Confcommercio, due delle principali sigle dei gestori degli impianti di carburante, a margine dell’incontro con il governo Meloni. Le associazioni hanno deciso di riaprire gli stabilimenti nella giornata di domani, malgrado l’accordo con l’Esecutivo sia lontano. “Pur riconoscendo di aver potuto interloquire in maniera costruttiva con il ministero, che si è speso per diventare interlocutore propositivo, l’incontro ha confermato il persistere di molte criticità”, scrivono infatti Fegica e Figisc.

I contenuti dell’incontro

I distributori, spiega a FocuSicilia Riccardo Di Benedetto, segretario regionale di Figisc, hanno riaperto già dalle sette del 25 gennaio. “Abbiamo ridotto lo sciopero perché il governo ci ha assicurato che aiuterà la categoria, con un tavolo di trattative che inizierà l’otto febbraio”. Nel corso dell’interlocuzione, aggiunge Di Benedetto, “rivedremo tutte le problematiche del settore, dai prezzi ai contatti, fino ai tabelloni e alle sanzioni”. Altra novità potrebbe riguardare il prezzo medio nazionale. “Il governo ha annunciato che realizzerà un Qr code dal quale le persone potranno verificare automaticamente il prezzo, evitando che siano i benzinai a doverlo esporre”. L’auspicio della categoria è di fare “un buon lavoro con il governo” anche per rimediare alla “grossa fesseria” fatta con l’ultimo decreto. L’adesione alla serrata, precisa comunque Di Benedetto, “è stata massiccia, con punte dell’80 per cento in Sicilia e del 100 per cento in Calabria”.

I numeri dello sciopero

Primi riscontri sulla partecipazione allo sciopero odierno arrivano anche dalle altre associazioni di categoria del settore carburanti. Faib Confesercenti Sicilia parla di un’adesione “pari a circa il 70 per cento”. “La categoria ha dimostrato la sua unità”, scrive in una nota la presidente regionale Francesca Costa. “Per diverse settimane i gestori sono diventati il capro espiatorio del rincaro dei prezzi. Le norme pensate dal Governo con l’ introduzione del prezzo medio e con le conseguenti sanzioni, rischiavano di appesantire ancora di più  la situazione. La riduzione della durata della serrata è stato un segnale di apprezzamento alle aperture mostrate dal Governo nei confronti della categoria nell’incontro di ieri sera. Da parte nostra c’è tutta la volontà di proseguire questo dialogo nel tavolo tecnico annunciato, evitando disagi ai nostri clienti”.

I motivi della protesta

All’origine dello sciopero deciso dalla categoria, il decreto “Trasparenza” varato nelle scorse settimane dal governo Meloni, per contrastare gli aumenti del prezzo del carburante registrate da inizio gennaio. Il decreto obbliga i gestori degli impianti a esporre il prezzo medio giornaliero nazionale e rafforza le sanzioni in caso di violazioni. Una scelta contestata dalla categoria, che addebita al mancato rinnovo del taglio sulle accise l’aumento del prezzo. Tra le altre misure contenute nel decreto, il Governo ha deciso di defalcare i buoni benzina dal reddito dei lavoratori dipendenti, fino a un massimo di 200 euro. Inoltre è stato annunciato un tetto al prezzo del carburante, ma soltanto negli impianti autostradali, dove si registrano i prezzi più alti.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

21,128FansMi piace
511FollowerSegui
345FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli