fbpx

“Borsa della ricerca”, la Regione dà i numeri: “Finanziate 73 mila imprese”

Quasi 600 milioni di euro dal Fondo europeo di sviluppo regionale, altri 289 milioni per la ricerca. Questi i numeri presentati dal governatore siciliano Musumeci all'evento di Alcamo

“La Regione Siciliana in quattro anni ha destinato 289 milioni di euro alla ricerca e all’innovazione, finanziando 946 imprese. Segno evidente che qualcosa è cambiato rispetto al passato. Il governo regionale ha voluto intraprendere una sfida difficile ma entusiasmante perchè consentirà all’Isola di diventare competitiva in un mercato sempre più esigente”. Lo ha detto il presidente della Regione Nello Musumeci, intervenendo al Castello di Alcamo, alla “Borsa della ricerca – In.Sicily”, coorganizzata dalla Regione, attraverso l’assessorato alle Attività produttive. Sono, invece, circa 597 i milioni di euro del Fondo europeo di sviluppo regionale impegnati a sostegno della competitività delle piccole e medie imprese siciliane dal 2018 al 2021. Risorse che, ricorda il governo regionale, “hanno contribuito a finanziare 73.060 imprese”.

“Impresa al centro dell’attenzione”

“A differenza del passato – ha proseguito il governatore – oggi al centro dell’attenzione del governo regionale c’è l’impresa, unica vera fonte di ricchezza per il territorio. Basta assistenzialismo, basta contributi a pioggia improduttivi. I giovani hanno bisogno di formazione, chi ha talento ha bisogno di applicarlo nella ricerca e nell’innovazione, le imprese hanno bisogno di diventare competitive”. Musumeci ha ricordato anche il recente accordo stipulato dalla Regione con le quattro università siciliane per la ricerca di base e per quella applicata «Siamo convinti – ha aggiunto – che utilizzare le opportunità finanziarie che l’Unione europea ci offre sia una occasione da non perdere. E questa iniziativa di oggi è fra le più significative nel panorama della ricerca italiana».

Mettere in contatto grandi imprese e start up

Un appuntamento chiave quello della Borsa della ricerca per mettere in contatto investitori e grandi imprese con start up siciliane. Trenta i progetti ammessi e selezionati a seguito dell’avviso lanciato lo scorso aprile dall’assessorato. “La Sicilia – commenta l’assessore regionale alle Attività produttive, Mimmo Turano – può e deve essere un grande incubatore di sviluppo, innovazione e ricerca per questo entro luglio pubblicheremo un bando destinato a sviluppare luoghi di innovazione, capaci di promuovere sviluppo e rendere attrattivi i territori. Abbiamo una dotazione di 2 milioni di euro che intendiamo investire per sviluppare luoghi di innovazione generativi, di produzione e di lavoro, che devono far convivere l’impresa e il giovane creativo, start up, eventuale coworking e fab lab, formazione. L’obiettivo è facilitare l’incontro tra domanda e offerta di innovazione, stimolare l’adozione di tecnologie avanzate, con particolare riguardo alla microimprenditorialità e a iniziative innovative”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
325FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli