fbpx

Catania, chiude “Habito”. Sunia chiede incontro ai servizi sociali del Comune

Con la chiusura dello sportello comunale salta un importante supporto. Per la presidente del sindacato Palazzolo "è necessario avere piena contezza dei fondi esistenti per far fronte al gravissimo disagio abitativo”

L’emergenza sfratti si acuisce e nessuna misura è stata ancora messa in atto dal Comune di Catania per contrastarla. Con la chiusura del progetto Habito (Agenzia Casa del Comune di Catania) e in attesa del nuovo bando, è venuto a mancare anche il supporto, anche se non esaustivo, dello “Sportello unico per l’emergenza abitativa”. Lo comunica la segretaria del Sunia di Catania, Agata Palazzolo, che chiede un incontro urgente all’ assessore comunale ai Servizi sociali con delega alla casa, Giuseppe Lombardo.

“Avere piena contezza dei fondi esistenti”

“È necessario avere piena contezza dei fondi esistenti per far fronte al gravissimo disagio abitativo, anche per incrementare l’offerta di alloggi, per creare una mappatura dei servizi oggi disponibili per l’emergenza e dei beni immobili di proprietà del Comune in modo da poterli, dopo le riqualificazione, utilizzare a fini abitativi.- dice Palazzolo- Utilizzare inoltre a fini abitativi gli alloggi e gli immobili confiscati alla mafia e organizzare una rete di attori pubblici e del terzo settore che operano sul tema del disagio abitativo, potrebbe rappresentare un nuovo strumento”.

Un riavvio dovrà essere “veramente efficace”

Il Sunia di Catania chiede anche il riavvio dell’Agenzia sociale su nuove basi “in modo da renderla veramente efficace” e segnala che il Comune ha utilizzato i fondi, 4 milioni di euro, stanziati con la Legge n. 106 del 23/07/2021 (Decreto sostegni bis) che avrebbero potuto essere utilizzati per un contributo economico per le migliaia di famiglie in difficoltà con il pagamento dei canoni, come contributo al pagamento della tassa rifiuti; una scelta che per il sindacato prova “la sottovalutazione del problema da parte di un’Amministrazione che continua a non tener conto del dramma sociale che sta coinvolgendo la popolazione. Dramma aggravato dalle difficoltà dovute alla situazione sanitaria. Eppure sia il Pnrr e i programmi comunitari contemplano il tema dell’abitare tra le cause dell’accrescersi delle disuguaglianze e per questo sono stanziate risorse ad hoc anche se del tutto insufficienti”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli