fbpx

Catania, dal punto di vista sismico gli edifici “fanno schifo”. Parlano gli esperti

Il Superbonus 110 per cento come occasione unica per migliorare a costo zero la sicurezza degli immobili in caso di terremoto. "Un sisma come quello del 1693 farebbe migliaia di morti". Accademici, ricercatori e costruttori a confronto nello speciale di FocuSicilia

Dal punto di vista sismico, la qualità degli edifici residenziali a Catania “fa schifo”. Se dovesse verificarsi un terremoto come quello che nel 1693 fece 55 mila morti in Sicilia Orientale, molti dei quali ai piedi dell’Etna, “le conseguenze sarebbero molto più gravi”. Catania è insomma una delle capitali mondiali del rischio sismico, ma uno strumento come il Superbonus 110 per cento, che permetterebbe di migliorare la resistenza sismica di molti edifici a costo zero, viene quasi ignorato dai cittadini. Eppure ci sarebbe tempo e modo per intervenire in modo efficace, “anche con modalità non invasive per le famiglie”. Sono i temi affrontati nel corso dell’approfondimento di FocuSicilia dedicato al superbonus e al rischio sismico nel versante orientale dell’Isola, alla presenza di professionisti ed esperti del settore. A intervenire in diretta sono stati Domenico Patanè, dirigente di ricerca dell’Ingv di Catania, Ivo Caliò, docente di Scienza delle costruzioni all’Università di Catania e Salvatore Messina, vicepresidente Ance Catania, l’associazione dei costruttori etnei.

Leggi anche – Superbonus, occasione unica per ristrutturare casa a costo zero

Il timore del “big one”

Il famoso “big one”, il terremoto catastrofico che potrebbe mettere in ginocchio Catania e l’intera Isola, non è affatto una possibilità remota. “Dal punto di vista probabilistico c’è una finestra di circa 300 anni per i terremoti di magnitudo importante sul modello di quello del 1693”, spiega il ricercatore. In quel caso, la magnitudo registrata fu di 7.4 e il conto delle vittime fu molto salato. Oggi, malgrado tre secoli di progressi tecnici, sarebbe peggiore, spiega Patané. Il conto dei morti risulterebbe più grave “a causa della maggiore presenza di insediamenti urbani, della densità della popolazione e della scarsa qualità degli edifici costruiti dagli anni Cinquanta ai Settanta”. La Sicilia è “fra le zone a maggiore pericolosità sismica in Italia”, e a doversi preoccupare di un evento simile è soprattutto “la fascia che comprende Messina, Catania, Ragusa e Siracusa”. I siciliani, avverte l’esperto, non devono cullarsi pensando alla solita “terra ballerina”. “Il terremoto dello scorso 23 dicembre, ampiamente avvertito dalla popolazione, contò 19 scosse la più forte delle quali di magnitudo 4.3”. Numeri simili per il sisma avvenuto l’anno scorso al largo delle coste ragusane, e avvertito in tutta la piana di Catania “che fu di magnitudo 4.6”. Una potenza considerevolmente minore rispetto al grande sisma di fine Seicento.

Leggi anche – Catania, al via cantiere da tre milioni. Cna: “Opportunità del superbonus”

Scarsa resistenza alle scosse

Per questo l’esperto ritiene “assurdo” che la maggior parte delle pratiche del Superbonus, il 70 per cento, riguardi l’ecobonus, e soltanto il 30 per cento il sisma bonus. “Chi sta elargendo le somme per ristrutturare le abitazioni non ha posto la sufficiente attenzione al rischio sismico”. Una sottovalutazione che potrebbe dipendere da una scarsa conoscenza della storia edilizia delle città siciliane, spiega il professore Caliò. “La prima a dotarsi di una norma sismica è stata Messina, nel 1909, all’indomani del devastante terremoto del 1908”. Il resto dell’Isola, prosegue il docente, è arrivata molto in ritardo. “Gran parte della Sicilia è classificata come zona sismica dal 1981. Le costruzioni progettate prima considerano soltanto i carichi gravitazionali, escludendo le sollecitazioni sismiche, che vanno in tutte le direzioni”. Fuori dal linguaggio tecnico, la maggior parte dei palazzi sono studiati per sopportare soltanto il proprio peso, in linea verticale. Il terremoto, viceversa, espone gli edifici anche a sollecitazioni orizzontali. Ecco perché le strutture costruite prima della norma antisismica “hanno una resistenza dal 20 al 50 per cento rispetto a quella che dovrebbero avere se correttamente progettati”.

Leggi anche – Terremoto del Belice, Anci Sicilia: “Scandalosi i ritardi nella ricostruzione”

Le colpe di politica e società

Una fragilità strutturale la cui responsabilità ricade anche sulla classe dirigente dell’epoca, sottolinea Caliò. “I politici si vantavano del fatto che la maggior parte dell’isola non fosse zona sismica, perché ciò avrebbe comportato maggiori costi di costruzioni”. Anche i costruttori non furono esenti da colpe. “Nel 1981 vi fu una corsa a depositare i progetti con le vecchie normative, in modo da non tenere conto delle nuove leggi”. La conseguenza è che “il 70 per cento del patrimonio residenziale è stato costruito in assenza di norme sismiche”, e paradossalmente “i vecchi edifici in muratura sono meno deboli di quelli in cemento armato costruiti negli anni Settanta”. Un j’accuse a cui non si sottrae il vicepresidente di Ance Catania Salvatore Messina. “Le responsabilità dei costruttori di allora appaiono evidenti. Soprattutto ciò che è stato tirato su dagli anni Sessanta agli anni Ottanta è molto, molto scadente”. Da tempo, tuttavia, gli imprenditori edili hanno acquisito una consapevolezza diversa. “Ance Catania da almeno 15 anni lavora molto sulla comunicazione sul rischio sismico nel nostro territorio”, rivendica Messina. Tra i progetti portati avanti dall’associazione, “il ciclo di dottorato sul recupero sismico degli edifici, il progetto E-Safe dell’Università di Catania di cui siamo partner, e in generale un’opera di sensibilizzazione costante sul territorio”.

Leggi anche – Terremoto, a Catania primo test per la nuova rete sismica urbana. I dati

Giocare con il destino

Malgrado tutto, il messaggio fatica ad arrivare al grande pubblico. Soprattutto a Catania i cittadini “giocano col fato, fanno scongiuri e risatine, si appellano alla cabala”, sottolinea il vicepresidente. Non si tratta soltanto di una preoccupazione legata al denaro. “I catanesi devono capire che gli 80/90 mila euro che spendono in un Suv farebbero meglio a spenderli nella manutenzione del loro luogo di vita, perché la vita è inestimabile. In questo caso, inoltre, l’intervento sarebbe addirittura a costo zero”. Come accennato, la maggior parte dei cantieri che si vedono in giro per le città siciliane – ma anche italiane – riguarda l’ecobonus. Qui entrano in gioco scelte di vita che le imprese non possono influenzare, sottolinea Messina. “Noi siamo degli esecutori chiamati a valle della progettazione, lavoriamo su ciò che viene richiesto visto che non siamo onlus ma imprese finalizzate al profitto”. Per il vicepresidente dei costruttori etnei il problema è anche burocratico. “La pratica per il sisma bonus è più complessa rispetto a quella dell’ecobonus, quindi la gente preferisce fare la pratica più semplice per ottenere l’incentivo”. Per questo sarebbe stato preferibile “un metodo più strutturato e intelligente”, tenendo comunque conto che l’emergenza sismica “non si risolve soltanto con i bonus”.

Leggi anche – Scuole siciliane a pezzi: solo una su quattro a prova di sisma

Nuove tecniche non invasive

Specialmente se una volta avviati gli interventi non si ha il “coraggio” di andare fino in fondo. Lo spiega il professor Caliò. “Spesso si preferiscono interventi palliativi che servono solo ad accedere ai bonus, ma non risolvono i problemi strutturali”. La responsabilità è anche dei tecnici, “che non avendo una piena conoscenza non promuovono più di tanto alcuni interventi”. A disincentivare molti dall’attivare il sisma bonus anche l’idea di notevoli disagi abitativi. Per il docente, si tratta di una percezione sbagliata. “Oggi esistono anche tecniche non invasive, per non costringere gli inquilini a lasciare la casa durante i lavori, come nel caso di un edificio sui cui stiamo intervenendo a Catania”. L’intervento, spiega il docente “ha portato la resistenza dell’edificio dal 20 a oltre il 60 per cento, senza dover far spostare gli inquilini da casa”. Per fare in modo che questa consapevolezza arrivi ai cittadini, i tre esperti concordano sul fatto che associazioni, università e ricerca si muovano in sinergia. “Ci dobbiamo impegnare per fare bene tutti insieme, in modo che la fragilità del ostro territorio possa essere finalmente superata sfruttando e possibilità offerta dalla tecnica e gli incentivi messi a diposizione dal governo”, concludono Patané, Caliò e Messina.

- Pubblicità -
Turi Caggegi e Valerio Musumeci
Turi Caggegi e Valerio Musumeci
Turi Caggegi: giornalista professionista dal 1985, pioniere del web, ha lavorato per grandi testate nazionali, radio, Tv, web, tra cui la Repubblica e Panorama. Nel 1996 ha realizzato da Catania il primo Tg online in Italia (Telecolor). È stato manager in importanti società editoriali e internet in Italia e all’estero. Nel 2013 ha realizzato la prima App sull’Etna per celebrarne l’ingresso nel patrimonio Unesco. Speaker all’Internet Festival di Pisa dal 2015 al 2018, collabora con ViniMilo, Le Guide di Repubblica e FocuSicilia. Etnalover a tempo pieno. Valerio Musumeci (Catania, 1992), è giornalista pubblicista e scrittore. Nel 2015 ha esordito con il pamphlet storico-politico "Cornutissima semmai. Controcanto della Sicilia buttanissima", Circolo Poudhron, con prefazione della scrittrice Vania Lucia Gaito, inserito nella bibliografia del laboratorio “Paesaggi delle mafie” dell'Università degli Studi di Catania. Nel 2017, per lo stesso editore, ha curato un saggio sul berlusconismo all'interno del volume "L'Italia tradita. Storia del Belpaese dal miracolo al declino", con prefazione dell'economista Nino Galloni. Nel 2021 ha pubblicato il suo primo romanzo, "Agata rubata", Bonfirraro Editore.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
333FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli