fbpx

Catania, in cinque anni solo cento famiglie hanno avuto una casa popolare

A fronte di oltre 4 mila richieste nelle graduatorie comunali e dell'Istituto autonomo case popolari, in un lustro meno del tre per cento le famiglie che hanno avuto assegnato un alloggio a canone sociale. Lo scrive il sindacato degli inquilini Sicet

A Catania, negli ultimi cinque anni, solo un centinaio di famiglie ha avuto assegnato un immobile a canone sociale, a fronte di graduatorie comunali e Istituto autonomo case popolari (Iacp) con circa 4000 richieste, meno del tre per cento. “Chiediamo all’amministrazione comunale di avviare un confronto con i sindacati degli inquilini per avere notizie sulla realizzazione dei 48 alloggi previsti nel quartiere di Librino e le eventuali azioni per il progetto Habito-Agenzia sociale”. Il sollecito arriva dalla segreteria territoriale del Sicet, alla sua prima riunione dopo il recente congresso che ha visto confermare il segretario Franco Nicolosi e affiancarlo da Francesco Laudani e Antonio Di Paola.

Su 1.500 alloggi occupati abusivamente poche sanatorie

“Come già denunciato più volte insieme agli altri sindacati degli inquilini – ribadisce Nicolosi – nella città di Catania ci sono circa 4.000 famiglie nelle graduatorie comunali e dello Iacp in attesa dell’assegnazione di un immobile a canone sociale e negli ultimi 5 anni è stato soddisfatto il fabbisogno di appena un centinaio di famiglie. Inoltre, delle circa 1.500 famiglie che occupano abusivamente gli alloggi dello Iacp, solo poche centinaia hanno provveduto a sanare la propria posizione previo pagamento degli arretrati”. “Il Sicet rinnova la richiesta del confronto con l’amministrazione comunale di Catania – aggiunge il segretario del Sicet – per conoscere lo stato dell’arte riguardo la realizzazione dei 48 alloggi previsti nel quartiere di Librino, con l’utilizzo dei fondi destinati alla rigenerazione urbana, e chiede alla stessa di adottare un metodo maggiormente partecipativo nei confronti dei sindacati degli inquilini, anche in riferimento alle eventuali azioni e attività intraprese nell’ambito del progetto Habito-Agenzia sociale per la casa”.

L’invito a stipulare l’accordo territoriale

“Rinnoviamo anche alle amministrazioni comunali di Adrano e Viagrande, che sono tra tra i Comuni “ad alta tensione abitativa” della provincia etnea – conclude Nicolosi – l’invito a stipulare l’accordo territoriale, come previsto dalla legge 431/98 “Disciplina delle locazioni e del rilascio degli immobili adibiti ad uso abitativo”, al fine di poter fare usufruire, sia ai proprietari sia ai conduttori, una tassazione agevolata in materia di contratti di locazione a cedolare secca e a canone concordato”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli