fbpx

Catania, lavori allo stadio Massimino da 4,4 milioni di euro

Manto erboso nuovo, 20 mila seggiolini, un tabellone luminoso, rifacimento dei bagni, degli spogliatoi e della sala stampa. E 1,5 milioni anche per il Cibalino. Il piano dell'amministrazione Pogliese

Lavori di ristrutturazione e adeguamento da 4,4 milioni per lo stadio Angelo Massimino di Catania. Lo storico stadio del quartiere Cibali si appresta quindi “a cambiare volto, 24 anni dopo le Universiadi”. Lo rendono noto il sindaco Salvo Pogliese e l’assessore allo sport con delega ai fondi Ue Sergio Parisi, illustrando il progetto di restyling dello stadio realizzato dai tecnici comunali. In tutti settori dello stadio Massimino verranno installati seggiolini colorati, complessivamente 20806, riproducendo nella tribuna B l’antico logo del Calcio Catania. Sarà rifatto il manto erboso con soluzioni innovative eliminando il problema della ricrescita e del drenaggio, grazie all’innesto di erba artificiale con quella naturale e un nuovo impianto di irrigazione. Ci sarà inoltre un tabellone luminoso più moderno e funzionale che sostituirà quello installato nella curva Nord e ormai inutilizzabile. Verrà rigenerata la pista d’atletica tra le poche del sud Italia a otto corsie, da parecchi anni in stato di abbandono. Nuovi spogliatoi sono previsti per gli atleti e gli arbitri, con il rifacimento del sottopassaggio per l’accesso al campo. Verranno anche riqualificati i servizi igienici di tutte le tribune dello stadio. Rifacimento anche per la sala stampa, i corridoi della mix zone, la hall d’ingresso e altri interventi sulle recinzioni e le tribune, che saranno anche riverniciate.

Leggi anche – Pala Catania, lavori da 1,2 milioni già avviati. “Fruibile a fine estate”

Fondi dal Patto per Catania

Complessivamente il costo dell’intervento ammonta a 4,4 milioni di euro prelevati dai fondi comunitari del Patto per Catania, opportunamente rimodulati dalla giunta Pogliese e finalizzati a riqualificare spazi pubblici della città. “Stiamo puntualmente mantenendo un impegno assunto con i catanesi nei mesi scorsi”, ha spiegato il sindaco Salvo Pogliese, cjhe definisce l’intervento “un concreto contributo a imprimere una svolta alle fortune calcistiche del Calcio Catania, dopo le tribolazioni degli ultimi anni. Sono interventi di adeguamento che servono a rendere più confortevole il godimento dagli spalti degli eventi sportivi e i concerti, come accade ormai negli stadi più moderni, ma anche a riqualificare tutto l’impianto ormai inadeguato per la storia e la tradizione di una grande città, che crede nello sport come fattore di coesione e promozione sociale”. “Il Massimino è un altro tassello del piano complessivo di ristrutturazione degli impianti sportivi comunali – ha aggiunto l’Assessore Parisi- iniziato dallo storico Campo Scuola di Picanello e che vanta a oggi ben sette cantieri aperti in vari impianti della Città.

Leggi anche – Catania, protesta degli operatori sportivi. “Attività in ginocchio”

Rifacimento anche per il “Cibalino”

Su indicazione del Sindaco, anche le procedure burocratiche seguiranno una corsia preferenziale rapidissima, come già accaduto con successo per altri appalti, con l’obiettivo di fare partire i lavori dello Stadio già in estate”. Nel piano di riqualificazione dello stadio Massimino, l’Amministrazione Comunale ha previsto un distinto progetto per 1,5 milioni di euro di fondi comunitari del Pon Metro, per rigenerare l’area del Cibalino, da destinare a scopi sociali, in collaborazione con le associazioni del territorio. Il campetto di calcio verrà trasformato in manto verde con innesti di erba artificiale, migliorata la funzionalità della tribunetta, riqualificato l’attiguo immobile su due livelli dei vecchi spogliatoi e trasformata in un moderno playground la vecchia la palestra all’aperto.

Leggi anche – Sport e pubblicità, a Catania non si pagano i canoni di concessione

“Fatti concreti. ORa salvare la matricola 11700”

“Insieme alla riduzione del costo di concessione dell’impianto e all’azzeramento delle tasse per la pubblicità che abbiamo già realizzato -ha spiegato il sindaco Pogliese-, l’ammodernamento del Massimino è il nostro ulteriore contributo concreto per risollevare le sorti del Catania Calcio, che attraversa un delicato momento, nel tentativo di scongiurare nuovamente il rischio del fallimento. Noi ancora una volta stiamo facendo la nostra parte con serietà ed entusiasmo e per questo ringrazio l’assessore Parisi e il dirigente comunale Fabio Finocchiaro che hanno lavorato proficuamente per raggiungere l’obiettivo di rendere il Massimino uno stadio moderno, adeguato a chi vuole investire con autentica passione per il Catania 1946. Per quanto ci riguarda, le chiacchiere stanno a zero. Noi continuiamo a lavorare producendo fatti concreti, sostenendo chiunque voglia portare contributi effettivi a questa ennesima sfida per la Città; per continuare una passione calcistica interpretata dalla storica matricola 11700, che non va tradita da tornaconti e utilitarismi personali”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli