fbpx

Cinisi, la Cgil contro la restituzione di “Casa Felicia” al figlio di Badalamenti

Le strutture nazionale, regionale e di Palermo del sindacato protestano contro il provvedimento che revoca la confisca dell'immobile dedicato alla madre di Peppino Impastato, ucciso dalla mafia nel 1978

La restituzione al figlio del boss Badalamenti dell’immobile in precedenza confiscato , affidato al comune di Cinisi e divenuto sede di ” Casa Felicia”, centro socio- culturale intitolato alla madre di Peppino Impastato, è per le strutture CGIL nazionale, siciliana e di Palermo “ una grande ingiustizia oltre che una pericolosa forma di sottovalutazione del fenomeno mafioso. Ci batteremo con tutte le nostre forze – aggiunge la Cgil- affinché questa beffa giudiziaria nei confronti delle persone oneste che combattono ogni giorno contro la malavita organizzata e contro le mafie sia corretta”. Per la Cgil il fatto “non può lasciare indifferenti se non vogliamo che quel cappio al collo che la mafia rappresenta per il Paese torni a stringere”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
329FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli