fbpx

Cisl Sicilia, critiche alla Finanziaria: assenti i temi del lavoro e dello sviluppo

Per il sindacato il governo regionale trascura il dialogo con le parti sociali mentre sul Piano nazionale di ripresa "preoccupa che non si parli dei fondi se non in modo generico"

“Il lavoro e lo sviluppo sono gli assenti della Finanziaria regionale, che non ha proiezione futura ma si limita a una risicata gestione dell’ordinario”. Così il segretario generale della Cisl, Sebastiano Cappuccio, commenta la manovra varata qualche giorno fa dal Parlamento regionale. “Prima di esprimere il nostro parere, abbiamo atteso di conoscere il testo esitato dall’Ars perché per noi è necessario approfondire il merito delle questioni e dei temi cruciali per la Sicilia”, afferma Cappuccio che rimarca come la Finanziaria e il bilancio siano insufficienti rispetto alle reali esigenze della regione. “A parte interventi spot buoni solo a tamponare un’emergenza ma non a risolverla e annunci per lo più destinati a rimanere pie intenzioni”, sottolinea Cappuccio, “analizzando i due provvedimenti, emerge la mancanza di una prospettiva strategica che affronti i nodi cruciali del lavoro e dello sviluppo, tralasciando i quali si svuota di significato ogni azione futura”.

“Parti sociali non coinvolte”

Per il segretario della Cisl Sicilia, questo preoccupante stato di cose è determinato da due perduranti e gravi lacune della classe politica e delle istituzioni regionali. “Il governo regionale”, aggiunge Cappuccio, “sul tema della Finanziaria ha incontrato soltanto una volta le parti sociali e più per adempiere a un protocollo formale che per un reale confronto, quasi come se la concertazione con sindacati e imprese sul futuro dell’isola fosse soltanto una questione di facciata e non di sostanza. I risultati sono visibili, non avere raccolto le proposte e le istanze di chi rappresenta centinaia di migliaia di siciliani ha determinato la mancanza di risposte e soluzioni rispetto ai reali problemi dell’isola”. Secondo Cappuccio, anche il Parlamento siciliano è stato superficiale nell’affrontare i temi del lavoro e dello sviluppo. “Le parti sociali non vengono coinvolte”, chiosa il segretario generale della Cisl Sicilia, “fatta eccezione per sporadiche convocazioni, i sindacati non sono ritenuti interlocutori dai parlamentari siciliani”.

“Spettacolo indecoroso sui fondi Ue”

Per il segretario generale della Cisl Sicilia “preoccupa inoltre che, in questo clima da rissa pre elettorale, non si parli dei fondi del Pnrr se non in modo generico”. “Abbiamo perso tanti, troppi treni in questi decenni”, afferma Cappuccio , “le risorse europee sono state spesso restituite al mittente, l’Ue ha inflitto multe salatissime alla Regione per il mancato utilizzo dei fondi. Non vorremmo che questo spettacolo indecoroso andasse nuovamente in scena con gli stanziamenti del Pnrr. Da tempo sollecitiamo un confronto sulle linee guida e gli interventi previsti per la Sicilia dal Piano nazionale di ripresa e resilienza e auspichiamo che questo confronto avvenga nel più breve tempo possibile, perché temiamo che l’approssimarsi delle elezioni possa rallentare se non bloccare, un dialogo serio e pragmatico con le forze sociali”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
324FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli