fbpx

Concorsi alla Regione, Cobas/Codir: “Il governo ignora il personale interno”

Secondo il sindacato "starebbero per essere banditi concorsi per migliaia di posti tra istruttori e funzionari con il rischio, di saturare la disponibilità dei posti apicali rischiando di lasciare solo le briciole al personale interno"

“Mentre a livello nazionale una “norma transitoria” contenuta nel decreto legge 80 del 2021 permette ai contratti di lavoro di definire tabelle di corrispondenza tra vecchi e nuovi inquadramenti sulla base di esperienza, professionalità maturate ed effettivamente utilizzate dall’amministrazione di appartenenza per almeno cinque anni (anche in deroga al possesso del titolo di studio richiesto per l’accesso all’area dall’esterno) alla Regione Siciliana, invece, dove si è già aperta la campagna elettorale, dopo decenni di blocco delle carriere si sta procedendo esattamente al contrario”. Lo scrive in un comunicato il sindacato dei dipendenti della Regione siciliana Cobas/Codir

Concorsi autorizzati per le gravi carenze

Secondo la nota del sindacato, il governo regionale in base al “Piano dei fabbisogni del personale per il triennio 2020-2022” approvato e integrato con le deliberazioni della Giunta regionale numero 551 e 617 del 2020 e 225 del 2021, ha autorizzato, attesa la grave carenza di personale di tutti i rami dell’amministrazione regionale, l’espletamento di diverse procedure concorsuali, finanziabili sia con le risorse regionali, sia con specifiche disposizioni nazionali. Tra l’altro, al fine di recuperare i ritardi accumulatisi a causa dell’intempestivo licenziamento del Formez, organo del Dipartimento della Funzione pubblica, la Regione è tornata sui suoi passi recuperando il rapporto di collaborazione con il Formez (deliberazione 503 del 25 novembre 2021. “Procedure di concorso per il reclutamento del personale della Regione Siciliana”).

“Solo motivi elettorali”

In sintesi, secondo Cobas/Codir “starebbero per essere banditi concorsi per migliaia di posti tra istruttori e funzionari con il rischio, se fossero realmente espletati, di saturare la disponibilità dei posti apicali rischiando di lasciare solo le briciole al personale interno e tutto ciò, scandalosamente, per fini meramente elettoralistici”. “Il governo – prosegue la nota – eviti di causare ulteriori sfaceli all’amministrazione regionale al termine del suo mandato (come avviene da troppi decenni) e, piuttosto che alimentare false promesse, rassicuri il personale interno sulle disponibilità di posti in vista dell’apertura delle trattative sul rinnovo del contratto che, per quanto riguarda il Cobas/Codir, dovrà, obbligatoriamente, contenere una ‘norma transitoria’ alla stessa stregua di quella inserita a livello nazionale”. Sulle polemiche relative al salario accessorio dei dipendenti regionali, infine, il sindacato risponde che queste sono state “alimentate in questi giorni da articoli spazzatura e titoloni fake news, utili solo a creare alibi a una politica inconcludente, il governo dovrebbe avere il coraggio di prendere una posizione netta rappresentando che i risultati raggiunti sulla spesa dei Fondi Ue Po Fesr sono frutto dell’eccellente lavoro svolto dai dipendenti regionali nonostante le carenze strutturali di un’amministrazione non al passo con i tempi rispetto ad altre pubbliche amministrazioni”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli