fbpx

Crédit Agricole in Sicilia: la strategia per portare valore a tutto il territorio

L’Amministratore Delegato Giampiero Maioli: “Siamo qui per accompagnare concretamente l’economia siciliana, valorizzandone tutte le potenzialità”. Focus su innovazione e sostenibilità con numerose iniziative dedicate

Crédit Agricole Italia ha presentato la sua strategia “al servizio dell’economia e delle famiglie siciliane”. Sono numerose le iniziative dedicate al tessuto imprenditoriale e sociale messe in campo e illustrate nel corso di una conferenza stampa a Giarre, all’interno di Radicepura: nuove assunzioni per i giovani, supporto alle eccellenze del comparto agri agro, con un focus particolare sull’innovazione e la sostenibilità. Già presente in Sicilia attraverso la rete di Agos, Crédit Agricole ha rafforzato dal 2021 la sua presenza nell’isola, grazie all’acquisizione di Creval. Attraverso il suo modello di Banca universale di prossimità e forte del suo network internazionale, il Gruppo è al servizio di oltre 177mila clienti siciliani attraverso una struttura regionale ramificata, composta da una Direzione retail (circa 70 filiali e 5 poli affari), due Mercati Private, un Mercato Consulenti Finanziari e due Mercati Banca d’Impresa.

Giampiero Maioli, Amministratore Delegato

“Crédit Agricole Italia è impegnata per garantire attenzione costante e sostegno concreto ai territori della Sicilia. Supportiamo quotidianamente famiglie e imprese anche nei loro progetti e anche nei processi di transizione energetico-ambientale, mettendo a disposizione strumenti e iniziative volte a favorire la crescita del tessuto imprenditoriale” – ha dichiarato Giampiero Maioli, Amministratore Delegato di Crédit Agricole Italia e Senior Country Officer nel corso di un incontro con la stampa e i principali stakeholders del territorio siciliano.
Dal punto di vista strategico è ben delineato il progetto di sviluppo specifico per la Sicilia, voluto e creato dall’Istituto: un approccio specializzato e distintivo, con una forte spinta verso l’innovazione e dedicato in particolare al mondo dell’imprenditoria e alle eccellenze del territorio. “Siamo qui per fornire al territorio siciliano tutti gli strumenti necessari allo sviluppo delle sue potenzialità” – continua Maioli – “che devono il più possibile essere valorizzate e accompagnate concretamente”. 

Aumenta l’organico. Soprattutto con under 35

Ne è un esempio il rafforzamento dell’organico, che nell’ultimo anno ha visto la creazione di nuove strutture con professionisti specializzati, impegnati a rispondere a tutte le esigenze della clientela. Sono circa 700 le risorse operative sul territorio e nel solo 2022 il Gruppo, in linea con il programma di rinnovo generazionale “Next Generation”, ha integrato su tutto il territorio nazionale circa 700 nuove risorse, di cui circa 600 sono under 35. In termini di assunzioni e mobilità interna, da gennaio 2022 sono state inserite nell’organico del territorio siciliano numerose nuove risorse, di cui buona parte sono under 30.
“Tengo particolarmente a sottolineare quanto stiamo lavorando per il supporto alle nuove generazioni. – aggiunge Maioli – Come Crédit Agricole abbiamo a cuore la crescita professionale dei giovani, perché siamo convinti che incentivarla possa creare una preziosa evoluzione sia per il nostro contesto aziendale che per l’intero sistema economico italiano. Proprio nell’ottica di costruire un ambiente eterogeneo, fertile, inclusivo e che favorisca l’emergere del talento, stiamo selezionando nuovi colleghi con profili accademici molto diversificati che spaziano tra digitali, tecnico scientifici ed umanistici, oltre che economico-giuridici, in sinergia con i principali atenei universitari del territorio come le Università di Catania, Palermo, Messina ed Enna

Il Comitato Territoriale e l’attenzione all’Innovazione 

Per favorire la continuità delle relazioni istituzionali a livello locale con tutti gli stakeholder e contribuire all’individuazione di interventi e progetti orientati a supportare la crescita del territorio, Crédit Agricole Italia a fine 2022 ha costituito il suo Comitato Territoriale Sicilia, composto da membri identificati tra qualificati esponenti dell’imprenditoria, dell’associazionismo, del mondo accademico e delle realtà socio-economiche. 
Per comprendere la potenzialità del territorio verranno realizzate una serie di iniziative pilota di open innovation tra un pool di aziende siciliane (settori: turismo, agritech e prodotti e servizi legati alla “Sun Valley”) e startup selezionate grazie alla rete dei Village in Italia, l’insieme di ecosistemi aperti e inclusivi attraverso cui il Gruppo accelera solo in Italia più di 150 startup. 

Investimenti nell’innovazione

Investire nell’innovazione per Crédit Agricole Italia significa anche impegnarsi nello sviluppo e nell’implementazione dei servizi alla clientela, attraverso un piano di costante ammodernamento della propria offerta digitale, senza dimenticare l’impegno quotidiano dei collaboratori che promuovono relazioni improntate all’ascolto e all’attenzione al cliente, operando secondo il modello di servizio “100 per cento umano e 100 per cento digitale” per rispondere alle esigenze di tutti.

Il supporto a imprese e famiglie ed il ruolo del comparto Agri Agro

Importanti indicatori in crescita da inizio anno, come l’erogato mutui a 32 milioni (in aumento rispetto a giugno 2022) e l’erogato prestiti (raddoppiato rispetto al giugno 2022), testimoniano il ruolo chiave che il Gruppo intende ricoprire nel sostenere tutte le economie locali e nel soddisfare le esigenze delle famiglie siciliane.
Gli impieghi totali in Sicilia sono pari a circa 2 miliardi di euro; la visione strategica della Banca vede un particolare focus su Aziende e Agri-agro, che all’interno del modello della Banca vanno incontro a significativi rafforzamenti a livello di organico e ad importanti investimenti per lo sviluppo.
In Italia il Gruppo riveste un ruolo centrale per il supporto finanziario al settore Agricolo e Agroalimentare, con quasi 6 miliardi di impieghi, oltre 42mila clienti e quote di mercato su territori di presenza pari a circa l’8 per cento. La profonda specializzazione della rete commerciale al servizio di questo settore, con importanti investimenti nello sviluppo delle competenze, unita alla solidità dell’offerta prodotto di CA Italia per accompagnare la transizione ESG delle aziende clienti e gli investimenti in rinnovabili, hanno portato l’Istituto a superare in Sicilia i 5.000 clienti agri-agro, con impieghi complessivi per circa 210 milioni di euro e una quota di mercato al 6,0 per cento.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli