fbpx

Desertificazione, la Sicilia perde 117 kmq ogni anno. “Agricoltori in difficoltà”

Entro il 2030 il fenomeno rischia di interessare tre quarti dell'Isola. Tra le cause siccità, aridità e cambiamento climatico, ma anche la mano dell'uomo. Per cambiare rotta c'è ancora tempo, ma serve maggiore dialogo tra Istituzioni e ricercatori. Le considerazioni dell'esperto

Ogni anno, in Sicilia, 117 chilometri quadrati di terreno si trasformano in deserto. Una superficie pari a quella di tutte le Isole Eolie messe insieme, che diventa inadatta alla vita con conseguenze gravi per gli agricoltori, costretti a cambiare le colture. “Di questo passo, entro il 2030 tre quarti della nostra regione saranno a rischio desertificazione, compromettendo la qualità del suolo”, spiega a FocuSicilia Vincenzo Piccione, già docente di Discipline ecologiche applicate presso le Università di Catania e Reggio Calabria. Il problema della desertificazione “è di attualità in tutta Europa” e in Italia “riguarda soprattutto il Sud, e anche la nostra Isola”. Le conseguenze del fenomeno non colpiscono soltanto il settore primario. “La desertificazione impatta anche sulla sfera sociale, incidendo negativamente persino sulla stabilità politica”, osserva il professore. Infatti un territorio desertificato “viene ben presto abbandonato”, con un peggioramento generale della qualità della vita “che costringe la popolazione a emigrare”.

Leggi anche – Clima, dall’afa all’acqua Sicilia “culla” degli eventi estremi. Le città più colpite

L’impatto sull’agricoltura

Al momento, secondo l’esperto, non esistono stime precise sull’impatto economico del fenomeno nell’Isola. I danni però diventano evidenti tastando il polso delle aziende. “Abbiamo segnali da chi opera sul territorio, e rileva i cambiamenti climatici in corso, soprattutto siccità e aridità, con riscontri sempre più gravi”, dice Piccione. Gli agricoltori in particolare denunciano “la compromissione della qualità del suolo”, e per non perdere i campi “sono costretti a sperimentare nuove coltivazioni”. Da qui la tendenza ad abbandonare “le colture irrigue come gli agrumeti”, mentre svariate centinaia di ettari di territorio “ospitano ormai colture tropicali, e di recente persino piantagioni di caffè”. A fronte di questa situazione, le Istituzioni non sembrano fare abbastanza. “Il governo Musumeci aveva scoperto la parola desertificazione, dando vita a un comitato incardinato sull’Autorità di bacino. Non ho notizie di attività”, denuncia Piccione.

Leggi anche – Clima, la Sicilia sempre più esposta a fenomeni estremi. Il rapporto dell’Ispra

I territori maggiormente a rischio

Dal punto di vista tecnico, spiega il professore, “la desertificazione è un processo di degradazione del suolo che comporta la perdita di produttività biologica o economica”. Il fenomeno non ha un’origine unica, “ma spesso è il risultato di una concomitanza di più cause scatenanti”. Tra esse c’è sicuramente l’emergenza climatica, “che comporta siccità e aridità”, ma anche la mano dell’uomo che causa “deforestazione, incendi, agricoltura e zootecnia intensivi”. Non tutti i territori sono ugualmente interessati. “I comuni che si affacciano sul canale di Sicilia e la Piana di Catania presentano i livelli più alti di rischio desertificazione, che colpisce soprattutto le aree in un’altitudine compresa tra zero e 200 metri”, spiega Piccione. “Anche la fascia dai 200 ai 700 metri è ad alto rischio, soprattutto al centro della Sicilia, mentre sopra i 700 metri il problema è marginale”.

Leggi anche – Clima, nel 2021 record di eventi estremi in Sicilia. Lo studio Legambiente

Opportunità nelle difficoltà

Una strategia efficace contro il fenomeno, secondo l’esperto, potrebbe venire soltanto da una collaborazione più intensa tra le Istituzioni regionali e nazionali e il mondo della ricerca. Persino la desertificazione, infatti, nasconde delle opportunità. Legate per esempio al settore energetico, di grande interesse considerando la crisi geopolitica in corso. “Con alcuni collaboratori stiamo cercando di individuare territori desertici idonei ad accogliere manufatti per la produzione energetica da fonti rinnovabili”. In particolare il fotovoltaico potrebbe prestarsi a valorizzare le aree degradate, offrendo soluzioni alternative. “Questa tecnologia sembrerebbe promettente, nell’ottica del recupero di siti compromessi ai fini della fertilità. Bisogna avere il coraggio di lavorare in questa direzione, per far sì che la nostra Isola non si trasformi in un grande deserto”, conclude Piccione.

S
- Pubblicità -
Valerio Musumeci
Valerio Musumeci
Valerio Musumeci (Catania, 1992), è giornalista pubblicista e scrittore. Nel 2015 ha esordito con il pamphlet storico-politico "Cornutissima semmai. Controcanto della Sicilia buttanissima", Circolo Poudhron, con prefazione della scrittrice Vania Lucia Gaito, inserito nella bibliografia del laboratorio “Paesaggi delle mafie” dell'Università degli Studi di Catania. Nel 2017, per lo stesso editore, ha curato un saggio sul berlusconismo all'interno del volume "L'Italia tradita. Storia del Belpaese dal miracolo al declino", con prefazione dell'economista Nino Galloni. Nel 2021 ha pubblicato il suo primo romanzo, "Agata rubata", Bonfirraro Editore.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,945FansMi piace
511FollowerSegui
339FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli