fbpx

Differenziata, Legambiente: “Trapani la provincia più riciclona di tutta la Sicilia”

Grazie ai rifiuti avviati a riciclo, scrive l'associazione, i comuni trapanesi hanno avuto riconosciuto dal Consorzio Nazionale degli Imballaggi quasi sette milioni di corrispettivi

“Rifiuti Zero, Impianti mille. No discariche, no inceneritori” con questo slogan visibile sullo striscione esibito all’ingresso del Polo Tecnologico a Castelvetrano, i volontari di Legambiente Sicilia e del circolo Crimiso hanno ancora una volta denunciato i ritardi nella riapertura dell’impianto di trattamento dell’organico di contrada Airone, fiore all’occhiello della provincia sino ad un decennio fa. Uno dei tanti impianti pubblici per la gestione virtuosa del ciclo dei rifiuti realizzati con milioni di euro di fondi pubblici, progettati male e, dopo qualche anno di funzionamento, destinati alla chiusura per necessari interventi di manutenzione e ampliamento. Dopo una lunga e complessa vicenda giudiziaria che ha visto il polo tecnologico messo all’asta, a seguito del fallimento della società ATO Belice Ambiente, l’impianto è stato recentemente acquisito dalla SRR Trapani provincia SUD. Tuttavia, i sei milioni di euro del fondo di coesione dello sviluppo 2014-2020, programmati per i lavori di riefficientamento del polo tecnologico, sono stati disimpegnati.

Le richieste alla Regione siciliana

“Non possiamo permetterci nuovamente di perdere questi finanziamenti”, dichiarano Tommaso Castronovo, responsabile rifiuti ed economia circolare di Legambiente Sicilia, e Anna Maria Gucciardo, presidente del Circolo Legambiente Crimiso, “e lasciare incompiuta un’opera pubblica indispensabile per chiudere il ri-ciclo integrato dei rifiuti nella provincia. Chiediamo alla Regione Siciliana di riprogrammare e finanziare in tempi brevi e certi questo importante impianto di compostaggio che consentirebbe di trattare oltre 17.500 tonnellate di organico all’anno che, attualmente, vengono conferiti in impianti siti in provincia di Catania, o addirittura fuori regione, ad oltre 250 euro a tonnellata”.

I dati sulla raccolta nel trapanese

È proprio a causa della mancanza di impianti a servizio della raccolta differenziata e di riciclo che nonostante la provincia di Trapani si confermi la più riciclona della regione, non è stato possibile premiare l’impegno dei cittadini con una riduzione della tariffa sui rifiuti. Quasi il 75 per cento è il dato di raccolta differenziata registrato complessivamente dai 24 comuni trapanesi. Grazie a rifiuti da differenziati avviati a riciclo, i comuni trapanesi hanno avuto riconosciuto dal Consorzio Nazionale degli Imballaggi (CONAI) quasi sette milioni di corrispettivi. Sorprende ancora Marsala, la quinta città siciliana, che continua a confermarsi Comune Riciclone, con il 77 per cento di raccolta differenziata (oltre nove punti percentuali rispetto all’anno precedente), e distretto dell’economia circolare, grazie alla presenza degli impianti di recupero e riciclo del vetro e dell’impianto di biodigestione anaeorobica per il trattamento dell’organico che entrerà in funzione nei prossimi mesi.

Economia circolare sul territorio

Questi alcuni dei dati emersi durante l’EcoForum provinciale sui rifiuti e l’economia circolare che si è svolto a Castelvetrano con la partecipazione di diversi sindaci, amministratori e operatori del settore della provincia e con la presenza di alcune scolaresche della città, con l’obiettivo di costruire una visione comune strategica necessaria per realizzare i cantieri dell’economia circolare. Tanti i cantieri dell’economia circolare che apriranno nei prossimi mesi nella provincia di Trapani, alcuni dei quali riguarderanno proprio la realizzazione di impianti e infrastrutture a servizio della raccolta differenziata, dagli impianti di compostaggio e biodigestione ai Centri Comunali di Raccolta e del Riuso e all’introduzione della tariffa puntuale.

“Il 65% di differenziata non basta più”

“Sono indubbiamente risultanti incoraggianti che ci indicano che siamo nella direzione giusta dichiara Tommaso Castronovo, ma bisogna fare sicuramente di più. Gli obiettivi selettivi previsti dalla normativa europea e dalla strategia nazionale per l’economia circolare ci obbligano a cambiare passo e ci spingono sempre di più verso il recupero di materia, sia a valle che a monte e ad un ricorso sempre più residuale alla discarica. Non basterà più, quindi, raggiungere il 65 per cento di raccolta differenziata ma la misura di quanto i comuni siano stati efficaci e virtuosi sarà l’effettivo avvio a riciclo dei rifiuti. È, quindi, importante accelerare in questa direzione in cui i comuni devono continuare a svolgere insieme ai cittadini un ruolo straordinario”. Così come è apparso altrettanto evidente, dall’intervento dei sindaci e presidenti delle SRR, accelerare nella semplificazione delle procedure autorizzative per la realizzazione degli impianti di riciclo, necessari per una gestione efficiente ed economicamente sostenibile del ciclo integrato dei rifiuti.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

21,128FansMi piace
511FollowerSegui
377FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli