fbpx

Edilizia pubblica, Sunia: “30mila famiglie attendono la casa”

La denuncia della segretaria generale del Sunia Sicilia, Giusy Milazzo, in apertura del congresso regionale del sindacato inquilini, che fa pressing per l’utilizzo del patrimonio ereditato da enti ospedalieri e Ipab, come il Policlinico di Catania che possiede 300 unità immobiliari

“Sono 30 mila in Sicilia le famiglie in graduatoria per un alloggio di edilizia sociale pubblica. È uno degli elementi che connota il disagio abitativo nella nostra regione”. Lo ha denunciato
la segretaria generale del Sunia Sicilia, Giusy Milazzo, aprendo il congresso regionale del sindacato inquilini. “Ma le famiglie senza casa sono certamente di più – ha rilevato – considerato il crescere degli sfratti per morosità, come conseguenza diretta della crisi economica. L’ultimo rapporto Istat – ha ricordato Milazzo – rileva che le famiglie in affitto nel Sud Italia mostrano valori dell’incidenza di povertà assoluta pari al 22,4 per cento rispetto al 17,6 del Nord. Più della metà delle famiglie povere vive in affitto e per molte il mantenimento dell’alloggio è a rischio. A fronte di questa situazione il paradosso è che il tema abitativo sembra sparito dal dibattito politico e dall’interesse delle istituzioni e dei governi nonostante la casa sia un diritto che deve essere garantito”. Quanto agli sfratti, “il Governo ha azzerato i fondi per il sostegno all’affitto per la morosità incolpevole, una scelta irresponsabile”, ha detto Milazzo. “E la Regione – ha aggiunto – non ha né avviato la riforma del settore abitativo pubblico, né ha definito una norma sul diritto all’abitare  non prevedendo finanziamenti per questo obiettivo”.

Utilizzare il patrimonio immobiliare pubblico

Per sopperire alla mancanza di case senza ulteriore consumo di suolo a “Palermo, Catania e Siracusa – ha detto la segretaria del Sunia – sono in corso vertenze per chiedere che i piccoli e grandi contenitori chiusi e in via di degrado siano trasformati in case pubbliche e sociali.  A livello regionale – ha aggiunto – abbiamo anche chiesto una banca del riuso dove fare confluire il patrimonio non utilizzato degli enti pubblici da potere trasformare per realizzare un’edilizia sociale pubblica di nuova concezione”. E se “diritto alla casa è anche diritto alla qualità dell’abitare”, qualcosa in questa direzione si sta muovendo, con gli interventi del piano  per la qualità dell’abitare previsto dal Pnrr, per la riqualificazione di periferie e quartieri degradati . “Ma è ancora poco, rispetto alla carenza di case”, ha sostenuto Milazzo. Da qui il pressing del sindacato inquilini per l’utilizzo del patrimonio immobiliare ereditato da enti ospedalieri e Ipab (a Catania il solo Policlinico possiede 300 unità immobiliari provenienti da lasciti in gran parte inutilizzate e in degrado) “che potrebbe diventare la base per un piano regionale di riutilizzo a fini abitativi sociali”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli