fbpx

Etna Nord, ripartono le escursioni ai crateri sommitali. “Accordo trovato”

I sindaci di Castiglione di Sicilia e Linguaglossa confermano l'imminente partenza del servizio turistico in fuoristrada a Piano Provenzana. L'avvio dell'attività prevista entro maggio

Stavolta sembra essere la volta buona. E Piano Provenzana, versante nord dell’Etna, potrebbe davvero tornare a vivere e a ridiventare un punto di riferimento per le escursioni alle quote sommitali del vulcano. Sembra infatti che i comuni di Castiglione di Sicilia e di Linguaglossa, comproprietari della pista in terra battuta che da quota 1900 si arrampica fino ai 2900 metri di Pizzi Deneri, abbiano trovato un accordo che consentirà il rilancio dell’attività turistica a breve, entro il mese di maggio.

Una svolta per il versante

Una svolta per il versante, già duramente colpito dall’eruzione che nel 2002 distrusse il piazzale e molte strutture ricettive, e poi, in anni recenti condizionato dalle difficoltà di garantire un servizio affidabile di escursioni in fuoristrada. La pandemia naturalmente ha ulteriormente aggravato la situazione, ma la ritrovata collaborazione tra i due comuni lascia intravvedere un futuro di ripresa.

Parlano i sindaci Camarda e Puglisi

Conferma Salvatore Puglisi, sindaco di Linguaglossa: “C’è la volontà dei due comuni di avviare l’attività escursionistica in maniera congiunta”. Anche il sindaco di Castiglione di Sicilia, Antonio Camarda dice che nella sostanza si è trovato un accordo che rispetta le esigenze di entrambe le comunità. Camarda precisa che il comune procederà con la redazione di bandi che “consentano e anzi obblighino al transito da Castiglione di Sicilia per poi raggiungere Piano Provenzana e i crateri sommitali. Insomma cercheremo di creare un sistema Etna – Alcantara, realtà conosciute in tutto il mondo, e di rendere centrale il nostro borgo”.

Attività garantita per almeno sei anni

Il nuovo progetto, dice Puglisi, “consentirà di effettuare le escursioni tutto l’anno. Sarà separata la manutenzione del tracciato dalla gestione dell’attività escursionistica” e ci saranno tante altre novità legate al rispetto dell’ambiente e alla sicurezza. “Speriamo di partire per metà maggio”, conclude Puglisi.  Si dice fiducioso anche Camarda: “Partiranno le escursioni e andranno avanti per almeno sei anni. In questo modo questo versante dell’Etna potrà assestarsi sul mercato turistico”.

Turi Caggegi
Turi Caggegi
Giornalista professionista dal 1985, pioniere del web, ha lavorato per grandi testate nazionali, radio, Tv, web, tra cui la Repubblica e Panorama. Nel 1996 ha realizzato da Catania il primo Tg online in Italia (Telecolor). È stato manager in importanti società editoriali e internet in Italia e all’estero. Nel 2013 ha realizzato la prima App sull’Etna per celebrarne l’ingresso nel patrimonio Unesco. Speaker all’Internet Festival di Pisa dal 2015 al 2018, collabora con ViniMilo, Le Guide di Repubblica e FocuSicilia. Etnalover a tempo pieno.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

18,095FansMi piace
313FollowerSegui
218FollowerSegui
- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Ultimi Articoli