fbpx

Fai Cisl Sicilia, Adolfo Scotti confermato segretario. “Non sprechiamo il Pnrr”

La federazione dei lavoratori agroalimentari e ambientali del sindacato siciliano, che aggrega 32 mila iscritti, ha rinnovato i suoi organi. Tra le priorità lavoro e cura del territorio

Si è svolta nel comune di Isola delle Femmine, in provincia di Palermo, la due giorni congressuale della Fai-Cisl Sicilia, federazione dei lavoratori agroalimentari e ambientali che in regione conta 32 mila iscritti. L’assemblea, dal titolo “Esserci per cambiare, cambiare per esserci”, ha confermato Adolfo Scotti Segretario generale; al suo fianco nella segreteria regionale sono stati rieletti Sabina Barresi e Sergio Cutrale. Tra i temi principali affrontati da Scotti nella sua relazione, lotta al caporalato, maggiore sicurezza nei luoghi di lavoro, cura del territorio: “In Sicilia 270 comuni su 390 sono a rischio idrogeologico e si registrano perdite nelle reti idriche superiori anche al 60 per cento”, ha detto il sindacalista, “per cui non possiamo permetterci di gettare al vento le risorse del Pnrr, che dovranno creare nuova e buona occupazione a partire dai comparti della forestazione e dei consorzi di bonifica per riqualificare il territorio”.

Leggi anche – Agroalimentare e innovazione, via alle proposte per i progetti Eit Food 2022

Attenzione alle risorse

Critico il giudizio di Scotti nei confronti della riforma presentata dal governo Musumeci per il comparto forestale: “Il blocco del turn over lede le legittime ambizioni di chi svolge da anni questo lavoro”, ha detto il sindacalista, aggiungendo che “troppo spesso i lavoratori sono vittime delle promesse della politica, ma bisogna diffidare di chi parla di stabilizzazione di tutti senza mai spiegare come trovare le risorse, manca poi una programmazione efficace degli interventi, che vanno calendarizzati e finanziati da gennaio e non a metà anno”. Un ricordo commosso è stato dedicato da Scotti anche alla battaglia per la liberazione dei pescatori mazaresi sequestrati in Libia nel 2020, vicenda alla quale la Fai Cisl ha anche dedicato il docufilm “Centootto”. Ai lavori è intervenuto anche il Segretario generale della Cisl Sicilia, Sebastiano Cappuccio, che ha confermato la vicinanza della Cisl regionale alla Fai nel ribadire la necessità di varare la riforma della forestazione e quella dei consorzi di bonifica attraverso un confronto serio del governo Musumeci con le forze sociali.

Leggi anche – Agroalimentare, a Catania export in crescita del 17%. I dati di Confindustria

Valorizzare l’ambiente siciliano

“Su questi temi”, ha detto Cappuccio, “occorre ragionare insieme perché non possono esserci decisioni calate dall’alto, ma scelte e orientamenti condivisi per rilanciare i due settori e valorizzare le professionalità e le competenze che vi operano: il Pnrr prevede linee di intervento specifiche per l’ambiente, è un’opportunità importante per la nostra regione che ha un patrimonio ambientale oggi non valorizzato, chiediamo all’esecutivo regionale di rilanciare il tavolo del partenariato attraverso un patto sociale”. Oltre a delegati, operatori e dirigenti, sono intervenuti anche rappresentanti di altre sigle sindacali e delle istituzioni regionali. I lavori si sono conclusi con l’intervento del Segretario generale della Fai-Cisl nazionale, Onofrio Rota, che ha posto l’accento sull’agroalimentare e l’ambiente come asset strategici del Made in Italy da far crescere attraverso il lavoro di qualità: “Gli investimenti e la contrattazione”, ha detto il sindacalista, “vanno indirizzati verso la formazione e la qualificazione dei lavoratori, verso maggiori redditi e verso un vero ricambio generazionale, che garantisca da un lato più occupazione giovanile e, dall’altro, pensioni più dignitose di quelle attuali, troppo spesso ai livelli della pensione sociale per quanto riguarda tanti operai agricoli”.

Leggi anche – Agroalimentare, nasce la consulta dei Distretti del cibo: “Rinnovare comparto”

Il tema dei giovani immigrati

“A lavorare la terra”, ha aggiunto il leader della Fai Cisl, “sono sempre più giovani immigrati, oggi sono 350 mila su un milione, nel 2030 saranno il 50 per cento, ecco perché la politica dovrà saper dare risposte più efficaci nel governo dell’immigrazione realizzando una vera inclusione sociale, noi continueremo a fare la nostra parte ogni giorno sul territorio per favorire la partecipazione, la solidarietà, la centralità della persona”. I lavori congressuali sono stati anticipati dal Congresso di Terra Viva Sicilia, federazione di secondo livello che nella Fai Cisl rappresenta i produttori agricoli; alla presidenza dell’associazione è stato confermato Giovanni Lo Bello.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
329FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli