fbpx

Filt Cgil: “Geotrans va tutelata”

L'impresa etnea di logistica, fino a poco tempo fa controllata dalla famiglia di Cosa Nostra Ercolano, è stata ieri visitata dalla Commissione regionale antimafia, insieme al sindacato

La commissione regionale antimafia e il suo presidente, l’onorevole Claudio Fava, ieri ha visitato la Geotrans, grande impresa del settore trasporti che negli anni scorsi era stata della “famiglia” Ercolano di Cosa nostra di Catania. Da oltre un anno è stata definitivamente confiscata. Presente all’incontro anche l’amministratore giudiziario, Luciano Modica, e i lavoratori dell’azienda.
La Commissione ha così constatato il tipo di lavoro svolto in questi anni in un settore difficile come quello della logistica, da parte dei  dipendenti che si sono scommessi in prima persona con impegno ed intelligenza. E con l’obiettivo ben preciso di far crescere l’azienda confiscata per rilanciarla sul mercato.

Venti lavoratori, tutti i scritti alla Filt Cgil

I lavoratori, poco più di venti tra amministrativi, tecnici e autisti, sono tutti iscritti alla Filt Cgil e le rappresentanti sindacali, due giovani donne, Denise Bongiovanni e Barbara Ingrassia, hanno operato in sinergia con il sindacato, l’azienda e l’amministratore contribuendo insieme ai lavoratori tutti a cambiare il volto dell’azienda.La cooperativa è ormai pronta per il prossimo passaggio: la concessione in comodato gratuito dei beni aziendali della Geotrans e , quindi, a gestire il passaggio dei contratti di trasporto in corso, oltre tutti i contratti di lavoro dipendente. Passaggio che è stato interrotto dalle condizioni determinate dal coronavirus. 

“L’azienda è ora un patrimonio da salvaguardare”

 “La Cgil e la Filt Catania seguono con impegno e attenzione i lavoratori delle aziende confiscate, in particolare la Geotrans, per tutelare i posti di lavoro e salvaguardare le aziende – commentano Pina Palella, responsabile del Dipartimento Legalità e sicurezza del sindacato, e Alessandro Grasso, segretario generale della Filt Cgil di Catania – restituendole al territorio ed evitando che la mafia abbia la meglio. Lo scorso maggio siamo stati ascoltati dalla Commissione, e in quell’occasione abbiamo sottolineato come l’azienda sia un patrimonio da salvaguardare e da valorizzare e che  occorre una forte volontà ed una sinergia di tutte le forze istituzionali e sociali, dall’Anbsc, l’autorità per i beni confiscati, alla Prefettura, al nostro sindacato, per evitare quanto accaduto a molte aziende messe in liquidazione dopo la confisca. Abbiamo segnalata la “quasi” totale assenza degli ispettorati del lavoro in un mondo come quello della logistica e del trasporto merce dove l’illegalità, il dumping salariale e sociale, molto spesso è la regola”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,945FansMi piace
511FollowerSegui
337FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli