fbpx

Fitch conferma il rating “BBB” per la Sicilia: basso rischio, prospettiva stabile

L'economia siciliana, il gettito fiscale e i conti della Regione siciliana presentano "rischi trascurabili". Tanto che l'agenzia di rating conferma il giudizio, come annuncia l'assessorato regionale all'Economia

L’Agenzia internazionale Fitch conferma il rating a lungo termine della Sicilia a ‘BBB’ con prospettiva stabile. L’annuncio viene dall’assessorato regionale all’Economia. La valutazione dell’economia siciliana risulta in linea con quella nazionale, riflettendo l’aspettativa che i parametri del debito regionale rimangano commisurati ai rating, anche nel caso in cui la spesa operativa riprenda a crescere, dopo il rallentamento derivato dalla pandemia nel 2020-21, ma occorre proseguire nel controllo dell’andamento della spesa.

“Profilo di basso rischio”

Fitch sottolinea il miglioramento della solidità finanziaria e della liquidità in quanto la Regione Siciliana “presenta un profilo di rischio basso. La composizione del debito è cambiata dopo che la regione ha rimborsato 1,5 miliardi di euro al Ministero delle Finanze per contrarre un prestito di pari importo con la Cassa Depositi e Prestiti beneficiando della possibilità di tassi d’interesse più bassi. La principale controparte del debito è ora CDP (56 per cento), seguita dal governo centrale (40 per cento) e dalla Banca Europea per gli investimenti”. Giova ricordare che l’operazione di rifinanziamento del 2021 ha consentito di conseguire un risparmio per interessi di 633 milioni di euro sino al 2044.

“Passività potenziali un rischio trascurabile”

Per l’Agenzia di rating “le passività potenziali rappresentano quindi un rischio trascurabile per la Sicilia che, nell’ottobre 2021, ha sostituito l’agenzia regionale Riscossione Sicilia SpA con quella nazionale e il governo centrale si è fatto carico di circa 300 milioni di euro, compreso il debito residuo di 245 milioni di euro a fine 2020. Pertanto, l’indebitamento finanziario delle Regione è sceso a circa 100 milioni di euro nel 2021, allo 0,6 per cento del bilancio regionale, da circa 350 milioni di euro a fine 2020”, sicché “La solidità del quadro di indebitamento della regione è sostenuta”. In evidenza nel report il costante miglioramento della liquidità della Regione Siciliana per far fronte ai pagamenti e la previsione che la stessa consolidi il contenimento della spesa già avviato, anche a seguito dell’accordo di finanza pubblica concluso con il governo centrale, coprendo gradualmente il “deficit di bilancio di 2 miliardi di euro (stima Fitch per il 2021) entro il 2029, subordinatamente a una diminuzione strutturale dei costi finanziati con risorse autonome regionali (esclusa la sanità). Inoltre, la riduzione strutturale di 800 milioni di euro del contributo annuale della regione al bilancio statale aiuterà a controllare dinamica dei costi operativi”.

Aumento del gettito, ma con aliquote ridotte

Sul fronte tributario Fitch rileva la riduzione dell’imposizione fiscale: “le entrate operative della regione, pari a quasi 17 miliardi di euro, compensano gli indicatori economici creando lo spazio per aumentare del 3 per cento il gettito fiscale, avendo gradualmente rimosso tutti gli aumenti delle aliquote attuati negli ultimi 10 anni tra il 2018 e il 2019. In questo modo l’aliquota dell’imposta sulle imprese è scesa al livello standard del 3,9 per cento e l’aliquota della sovrattassa PIT al minimo dell’1,23 per cento”. Nel suo report l’Agenzia osserva anche che “oltre il 90 per cento dei costi siciliani non è legato al ciclo economico o lo è solo moderatamente, e circa il 60 per cento è dedicato alla sanità. Questo dovrebbe aiutare la regione a monitorare la spesa in un contesto inflazionistico permettendo di mantenere la crescita delle spese operative vicina alla crescita delle entrate operative negli ultimi cinque anni.” Si ritiene, infine, che “il 40 per cento del debito della regione provenga per il 40 per cento dal governo nazionale (2,7 miliardi di euro nel 2021), il che comporta un payback di circa 12 volte in media nel 2024-26, e il suo rimborso può essere subordinato a quello del debito di mercato, in caso di necessità, come è avvenuto nel 2020 durante la pandemia”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli