fbpx

Formazione da remoto, Cgil Sicilia dice no: “Necessaria la presenza in aula”

Cgil e Fillea Sicilia chiedono alla Regione, in virtù della propria autonomia statutaria, di intervenire varando un provvedimento che escluda l'erogazione della formazione da remoto

Con una nota inviata al Presidente della Regione e all’assessore regionale al lavoro, la Cgil e la Fillea Sicilia contestano la parte dell’accordo Stato-Regione n. 128 del 2016, reiterata nell’accordo attualmente in discussione che prevede la possibilità di fare formazione finalizzata alla salute e sicurezza sul lavoro anche in modalità e-learning, cioè da remoto. Nel dettaglio si tratterebbe di alcuni moduli per quanto riguarda il rischio medio basso, e della parte generale per quello medio alto. Cgil e Fillea chiedono dunque alla Regione, in virtù della propria autonomia statutaria, di intervenire varando un provvedimento che escluda questa modalità di erogazione della formazione.

Formazione da remoto, bocciatura di Cgil Sicilia

”La formazione su salute e sicurezza”, scrivono Francesco Lucchesi, segretario confederale Cgil Sicilia e Giovanni Pistorio, segretario generale della Fillea regionale, “per essere efficace ha necessariamente bisogno di presenza fisica in aula e di verifica passo dopo passo delle competenze acquisite. A ciò si aggiunge”, sottolineano, “che spesso la modalità di formazione e-learning è fittiziamente espletata, producendo anche una frode rispetto all’obiettivo posto dalla formazione”. Cgil e Fillea rilevano che in passato la Regione, forte della sua autonomia, ha modificato l’accordo del 2016 migliorando i controlli sulle modalità di erogazione. “Adesso”, sottolineano Lucchesi e Pistorio, “si rende necessario un nuovo intervento, affinché con la prevenzione, infortuni e morti sul lavoro si possano effettivamente ridurre”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli