fbpx

Geotrans, l’azienda confiscata è dei lavoratori. “Pronti a sfidare il mercato”

Otto anni dopo l'inizio dell'iter, la cooperativa dei lavoratori è ufficialmente proprietaria dell'azienda. Il presidente Luciano Modica: "Pronti a proporci ai clienti con la carte in regola"

Ha avuto il suo lieto fine la vicenda dei lavoratori della Geotrans. Da ieri, infatti, l’azienda catanese confiscata alla famiglia Ercolano è ufficialmente della cooperativa che quasi tre anni fa iniziò il percorso per ottenere l’assegnazione. Nove i soci fondatori e 22 in totale i dipendenti della cooperativa, che da alcune ore può camminare con le sue gambe e fare i conti con il mercato. “Il percorso non è stato semplice, abbiamo dovuto fare i conti con la burocrazia ma finalmente siamo pronti a sfidare il mercato”, dice a FocuSicilia Luciano Modica, l’amministratore giudiziario che nel 2014 prese in mano l’azienda, venendo nominato in seguito amministratore unico e oggi presidente della Geotrans Coop. Si tratta della prima azienda catanese ad aver completato l’iter di assegnazione, e tra le primissime in Sicilia. “A Palermo c’è la cooperativa Ericina, che ha completato l’iter da qualche anno. Noi però abbiamo avuto un percorso ancora più complesso, vista la presenza nella cooperativa di un socio pubblico”.

Leggi anche – Beni confiscati, buone notizie da Catania: pronti sei progetti sul Pnrr

Una storia lunga otto anni

Nel dettaglio, le società strappate al clan mafioso erano due, Geotrans Srl e Geotrans Logistica Frost. Dopo il sequestro del 2014, la confisca definitiva è arrivata nel 2019 con il passaggio dei beni all’Agenzia nazionale. L’iter per l’assegnazione dell’azienda è iniziato qualche mese dopo, con la costituzione della cooperativa degli ex lavoratori, di cui fa parte anche la cooperativa Finanza e Imprese, partecipata e vigilata dal Ministero dello Sviluppo Economico, che ha lo scopo di promuovere la nascita e lo sviluppo di imprese cooperative di produzione e lavoro e di cooperative sociali. Accanto ai soci lavoratori, insomma, c’è stato l’intervento di un socio finanziatore pubblico, partecipato tra gli altri da Invitalia, AGCI, Confcooperative, Legacoop e altre 325 imprese cooperative. “Il contributo è stato importante perché ci ha dato solidità, anche se ha reso l’operazione più complessa dal punto di vista societario e finanziario”, osserva Modica.

Leggi anche – Beni confiscati, sit in delle associazioni catanesi. Progetti entro il 28 febbraio

La sfida del mercato

L’assegnazione definitiva, precisa Modica, arriva in un momento complesso per la vita delle imprese, tra gli strascichi della crisi innescata dalla pandemia e un caro bollette reso ancora più drammatico dalla crisi ucraina. I soci lavoratori della Geotrans, spiega Modica, ne sono ben consapevoli. “Certo, il momento storico non è dei più semplici, ma siamo comunque molto contenti perché il percorso è andato in porto e i sacrifici dei lavoratori sono stati ripagati. Qualche difficoltà in più sicuramente non ci spaventa”. Per la ripresa, aggiunge l’amministratore giudiziario, sarà fondamentale il supporto del territorio, “che dovrà fare la sua parte consentendo all’azienda di avere un mercato e rimettersi in piedi dopo lunghi anni di difficoltà”. L’iniziativa dei soci “è stata bene accolta” dal tessuto produttivo, che sa di poter contare “su un interlocutore valido sul piano commerciale”, al di là della complessa storia aziendale. “Geotrans è un fornitore di servizi di trasporti che oggi sta sul mercato ed è in grado di proporsi ai clienti con tutte la carte in regola”, conclude Modica.

- Pubblicità -
Valerio Musumeci
Valerio Musumeci
Valerio Musumeci (Catania, 1992), è giornalista pubblicista e scrittore. Nel 2015 ha esordito con il pamphlet storico-politico "Cornutissima semmai. Controcanto della Sicilia buttanissima", Circolo Poudhron, con prefazione della scrittrice Vania Lucia Gaito, inserito nella bibliografia del laboratorio “Paesaggi delle mafie” dell'Università degli Studi di Catania. Nel 2017, per lo stesso editore, ha curato un saggio sul berlusconismo all'interno del volume "L'Italia tradita. Storia del Belpaese dal miracolo al declino", con prefazione dell'economista Nino Galloni. Nel 2021 ha pubblicato il suo primo romanzo, "Agata rubata", Bonfirraro Editore.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
324FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli