fbpx

Gimbe boccia il decreto sulle liste d’attesa in sanità. Tempi e servizi incerti

"Un provvedimento tanto perentorio nei termini e sovrabbondante nella forma, quanto povero di contenuti realmente efficaci". Senza mezzi termini il presidente di Gimbe, Nino Cartabellotta in audizione al Senato sul decreto per l'abbattimento delle liste d'attesa

Audito in Senato nell’ambito della discussione sul Decreto sulle liste d’attesa in sanità, Nino Cartabellotta, presidente della fondazione Gimbe non lascia dubbi. Meglio, pone molti dubbi sulla piena realizzazione di quanto il governo vorrebbe fare per ridurre i tempi per le prestazioni sanitarie. Mancherebbero soldi ma anche decreti attuativi (almeno 7) di cui però non si conoscono tempi certi e scadenze. A mancare anche misure per ridurre la domanda inappropriata di esami diagnostici e visite specialistiche. Per il potenziamento dell’offerta, da Gimbe arriva la accusa di “ulteriore sovraccarico dei professionisti sanitari che hanno carichi di lavoro già inaccettabili”. Alle mancanze, sottolinea Cartabellotta, si vorrebbe controbattere con attività ispettive e sanzioni.

“Si guarda al dito e non alla luna”

Le liste d’attesa, interminabili, sono fonte di grande disagio per i cittadini che spesso decidono di rivolgersi alla sanità privata pur di fare presto. Pochi sanno per esempio che che si può saltare la fila in determinate circostanze. “Rappresentano il sintomo di un indebolimento organizzativo e soprattutto professionale che richiederebbero consistenti investimenti e coraggiose riforme” spigano da Gimbe. Ecco perché “ricondurre tutti i problemi del SSN alle liste di attesa è estremamente semplicistico perché si continua a guardare al dito e non alla luna. Una sorta di “riduzione prestazionistica” del SSN dove l’importante è esigere/erogare una prestazione sanitaria in tempi brevi, e non importa se l’erogatore sia pubblico o privato“. La conseguenza, spesso, è che chi è più debole rimane indietro. Pazienti costretti, come novelli Ulisse, a peregrinare tra diversi CUP, tra vari ospedali sino a Regioni diverse. Attività di cui un tempo si occupava il SSN seguendo il percorso diagnostico-terapeutico del malato. Ecco perché bisogna investire sul personale sanitario aumentando gli organici, e non stremare ulteriormente quello già in servizio, con il rischio di alimentare ulteriormente la fuga dei professionisti dal SSN”.

Leggi anche – Sanità, nominati i nuovi manager. Obiettivi tarati sulle liste d’attesa

Soldi insufficienti per il decreto liste d’attesa

L’aspetto economico relativo al decreto per le liste d’attesa in sanità è uno dei primi aspetti sottolineati dal presidente di Gimbe, Cartabellotta. “È evidente – afferma – che la versione definitiva del DL risente dell’impossibilità da parte del Governo di investire ulteriori risorse in sanità e che la scure del MEF ha fortemente ridimensionato gli obiettivi del Ministero della Salute”. Così si sarebbe creato “un provvedimento tanto perentorio nei termini e sovrabbondante nella forma, quanto povero di contenuti realmente efficaci per risolvere i problemi strutturali del SSN che generano il problema delle liste di attesa. D’altronde per superare il tetto di spesa per il personale sanitario sono necessarie risorse da investire e professionisti da assumere. Le prime sono pari a zero e i secondi sono sempre meno. Anche se il DL pone le basi per conoscere meglio il fenomeno e prevede l’implementazione di varie misure, in larga parte già esistenti, la loro attuazione richiede tempo e soprattutto una stretta collaborazione di Regioni e Aziende sanitarie”.

Leggi anche – Liste d’attesa troppo lunghe. In Sicilia sanità negata. Le armi dei cittadini

Mancano 7 decreti attuativi

Oltre all’aspetto economico il decreto sulle liste d’attesa ha anche un’altra mancanza secondo il presidente di Gimbe: i tempi d’attuazione. In particolare per 4 dei 7 decreti attuativi non sono definiti i termini di pubblicazione. Inoltre il loro numero è, secondo Gimbe, in contrasto con il carattere di urgenza del provvedimento. “Nonostante le rassicurazioni del Ministro Schillaci sul rispetto dei tempi, la storia insegna che, tra valutazioni tecniche, attriti politici e passaggi tra Camere e Ministeri, dei decreti attuativi si perdono spesso le tracce con la conseguente impossibilità di applicare le misure previste”.

Leggi anche – Sanità, dalla Regione ai privati 15,8 milioni per “ridurre le liste d’attesa”

Esami inutili allungano i tempi d’attesa in sanità

Al di là di quanto manca, Gimbe punta il dito proprio sulla strategia governativa per l’abbattimento delle liste d’attesa in sanità. Cartabellotta spiega che “i tempi di attesa aumentano a causa dello squilibrio tra l’offerta e la domanda di prestazioni sanitarie, di cui non tutte soddisfano reali bisogni di salute”. In pratica esami inutili che allungano i tempi per tutti. Eppure, sottolinea Cartabellotta, il decreto va nella direzione “di inseguire la domanda aumentando l’offerta”. Una strategia che definisce “perdente”.

Leggi anche – Autonomia differenziata, dalla Sicilia via alla raccolta firme per abrogare la legge

Gimbe: personale insufficiente per ridurre le liste d’attesa

Accanto c’è il problema del personale: insufficiente. “Se i professionisti sono sempre gli stessi e con carichi di lavoro già inaccettabili, come potranno mai erogare le prestazioni anche il sabato e la domenica, senza violare la direttiva UE sugli orari di riposo che prevede, oltre alle 11 ore al giorno, almeno un giorno intero (24 ore) di riposo a settimana?”. Inoltre la copertura finanziaria allo scopo è solo per il 2024. “Il superamento del tetto di spesa per l’assunzione di personale sanitario viene rinviato al 2025. Dopo la definizione da parte delle Regioni del fabbisogno di personale, secondo la nuova metodologia messa a punto da Agenas”.

Leggi anche – Sanità, allarme autonomia differenziata. Gimbe: “Più disuguaglianze Nord-Sud”

Piattaforma nazionale, serve davvero?

Sulla istituzione della Piattaforma Nazionale per le Liste d’Attesa invece, Cartabellotta esprime parere positivo seppure con riserva. “Permetterà di realizzare un monitoraggio rigoroso e analitico per le varie prestazioni sanitarie in tutte le Regioni con le stesse modalità”. Cartabellotta definisce lo strumento “l’unica vera novità del DL”. E se è certo che consentirà “una puntuale conoscenza di vari aspetti del fenomeno”, è anche vero che “il suo potenziale impatto sui tempi di attesa è difficilmente prevedibile. “Anche in considerazione dei poteri esclusivi delle Regioni sulla programmazione ed erogazione dei servizi sanitari”. “Potenzialmente molto rilevante” è definita l’implementazione del sistema di prenotazione delle prestazioni sanitarie.

Leggi anche – Sanità, Istat: a Messina e Palermo troppi “morti evitabili”. Male Catania sui tumori

Funzioni di polizia amministrativa e giudiziaria

Forti dubbi rimangono sull’istituzione di un Organismo di verifica e controllo sull’assistenza sanitaria con l’obiettivo di rafforzare le attività del già esistente Sistema nazionale di verifica e controllo sull’assistenza sanitaria (SIVeAS). Si aggiungono “solo funzioni di polizia amministrativa e giudiziaria che riconoscono all’Organismo la qualifica di agente di pubblica sicurezza“. L’ultimo appunto al governo sul decreto per le liste d’attesa da parte del presidente di Gimbe riguarda le misure per il potenziamento dell’offerta assistenziale e il rafforzamento dei Dipartimenti di salute mentale. “Fanno riferimento a norme e finanziamenti già esistenti, ovvero quelli del Programma Nazionale Equità in Salute (PNES) che riguardano le Regioni del Mezzogiorno” dice Cartabellotta.

- Pubblicità -
Desirée Miranda
Desirée Miranda
Palermitana di nascita ma catanese d’adozione e di fatto. Laurea in Scienze per la comunicazione internazionale (UniCt). Mi piace raccontare la città e la Sicilia ed è anche per questo che ho scelto di fare la giornalista. In quasi 15 anni di attività ho scritto per la carta stampata, il web e la radio occupandomi per lo più di economia e lavoro. Dal 2020 sono alla guida di FocuSicilia continuando a fare il mestiere più bello del mondo

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli