fbpx

Grano, è guerra sul “perciasacchi”. “Multinazionali minacciano il mercato”

Il Perciasacchi è una varietà protetta che può essere coltivata esclusivamente in Sicilia da un numero ristretto di “custodi”, ma presto potrebbe essere autorizzato un prodotto simile che cambierebbe il mercato. Dalla Regione richiesta di chiarimenti a Roma, ma tutto tace

Una delle più antiche varietà di grano duro siciliano, il Perciasacchi, potrebbe essere minacciata dalla concorrenza di aziende esterne all’Isola. E persino da multinazionali, che potrebbero approfittare delle novità nella normativa per mettere in commercio prodotti molto simili. “In questo momento ci sono ben quattro varietà di grano turanico, molto simile al Perciasacchi, in corso d’iscrizione presso il Registro delle varietà vegetali del ministero dell’Agricoltura”, dice a FocuSicilia Paolo Caruso, agronomo e consulente esterno del dipartimento di Agricoltura, alimentazione e ambiente dell’Università di Catania. Il Perciasacchi è iscritto al Registro nazionale delle varietà da conservazione, e come tale può essere coltivato esclusivamente in Sicilia da un numero ristretto di agricoltori “custodi”. I quali sarebbero messi in estrema difficoltà se l’autorizzazione di varietà simili andasse a buon fine. “Come faranno a mantenere il proprio prodotto sul mercato, davanti a una tale concorrenza?”, si chiede Caruso. Per l’esperto “urge una risposta immediata”, visto che i produttori siciliani “non possono buttare al vento decenni di sacrifici”.

Le iscrizioni di grano turanico sul Sistema informativo agricolo nazionale del ministero dell’Agricoltura

Leggi anche – Agricoltura, dalla ricerca uno strumento contro la crisi: il progetto Mixwheat

Un problema di tassonomia

Alla base della querelle c’è un problema di tassonomia. Il Registro delle varietà vegetali è basato sul concetto di specie. Sia il Perciasacchi che il cosiddetto turanico – o Korashan, dal nome della regione del Medio Oriente in cui la varietà avrebbe avuto origine, tra Iran, Turkmenistan e Afghanistan – appartengono alla specie Triticum turgidum. Quest’ultima si divide in due sottospecie: Triticum turgidum durum e Triticum turgidum turanicum. Al momento della sua iscrizione, nel 2014, il Perciasacchi fu considerato appartenente alla sottospecie Durum, ma rilievi più recenti hanno determinato che esso appartiene di fatto al Turanicum. “Sono state effettuate delle indagini molto accurate, da parte del Consorzio di ricerca Gian Pietro Ballatore della Regione Siciliana e dall’Università degli Studi della Tuscia di Viterbo”, precisa Caruso. Per gli esperti, l’iscrizione della specie dovrebbe comportare anche quelle delle sottospecie, come già avviene con altri vegetali. Per esempio il riso, per il quale esiste un solo registro varietale – Oryza sativa – che include le varietà di sottospecie Japonica e Indica.

Leggi anche – Il pane siciliano della Valle del Dittaino protagonista al Marca di Bologna

Le regole sulla coltivazione

“Quel che è certo è che il Perciasacchi è una varietà locale da conservazione, e può essere coltivata esclusivamente nella zona di iscrizione, come avviene per il grano Russello e il Tumminia”, spiega Caruso. La normativa prevede che la produzione sia limitata all’areale, mentre la lavorazione e la commercializzazione del prodotto possono avvenire anche altrove. “Ciò spiega in parte come sementi siciliane siano arrivate su altri territori, dove evidentemente sono state seminate”, osserva l’agronomo. Malgrado le sanzioni previste siano salate, infatti, capita che ci siano produttori che coltivano le varietà locali “fuori zona”. “Un comportamento assurdo, visto che tra l’altro espone a seri rischi legali”, aggiunge Caruso. Tornando al Perciasacchi, i produttori siciliani autorizzati a coltivare questa varietà sono meno di trenta, e producono quasi tutti in regime di agricoltura biologica. “Immaginate cosa potrebbe accadere se una multinazionale mettesse sul mercato un prodotto simile. I ‘piccoli’ non potrebbero mai reggere”, denuncia Caruso.

I produttori autorizzati di grano Perciasacchi al 2020. Grafica a cura di Paolo Caruso

Leggi anche – Grano e crisi Ucraina, Cgil Sicilia: “Puntare sulla produzione interna”

Multinazionali in agguato

Al momento, il prodotto è venduto tra gli 80 centesimi e l’euro al chilo, ma il prezzo è soggetto a forti oscillazioni e non sempre, negli anni passati, ha permesso ai coltivatori di andare in pari. I produttori, inoltre, devono fare i conti con i rincari di energia e materie prime, e da qualche mese con le tensioni generate dal conflitto in Ucraina. Il pericolo che si aggiunga anche la concorrenza sleale da parte di produttori esterni, spiega Caruso, è concreto. “Il Perciasacchi, per le sue particolari caratteristiche, è considerato una delle migliori alternative ad alcune farine di largo consumo commercializzate da multinazionali”. Non è un caso, spiega l’agronomo, che una delle quattro richieste di iscrizione di grano turanico presenti nel database del Sian, il Sistema informativo agricolo nazionale del ministero dell’Agricoltura, venga proprio da una multinazionale. “Non si può permettere che coltivatori che hanno investito tempo, denaro ed energie per custodire questa varietà siano travolti sul mercato”, dice l’agronomo.

Leggi anche – Agricoltura, l’allarme della Regione: “Prezzi saliti del 30%, l’Ue intervenga”

Le richieste al Ministero

A complicare la situazione, nel 2019, è arrivata l’istituzione del Registro volontario dei grani turanici. Tale registro non è di facile reperimento e le sue funzioni non sono chiare, visto che tuttora le varietà di grano Khorasan continuano ad essere iscritte al database del Sian sotto l’elenco specie vegetali. Gli esperti temono che possa facilitare ulteriormente tentativi di concorrenza sleale da parte di produttori di turanico. La questione, posta all’attenzione dell’assessorato regionale all’Agricoltura, ha portato nel settembre 2021 a una richiesta di chiarimenti al Ministero. “È evidente che il potenziale commerciale ed economico che il grano Perciasacchi riscuote oggi attrae nuovi interessi commerciali legati al grano turanico o Khorasan”, si legge nella lettera firmata dal dirigente generale dell’assessorato Dario Cartabellotta. Il registro volontario del turanico, prosegue il dirigente, “provocherebbe un danno ai produttori locali a scapito degli investimenti fatti per valorizzare le varietà locali”, fornendo di fatto “uno strumento per aggirare le prescrizioni”.

I produttori autorizzati di grani antichi duri e teneri al 2020. Grafica a cura di Paolo Caruso

Leggi anche – Concimi, la guerra in Ucraina minaccia l’agricoltura siciliana. “Costi triplicati”

“Lavoro dei produttori a rischio”

Da qui la richiesta di istituire un tavolo tecnico “al quale partecipino portatori di interesse delle filiere locali delle varietà da conservazione, al fine di individuare ambiti e prescrizioni per la gestione del germoplasma italiano afferente ai grani turanici”. Fuori dai tecnicismi, di trovare una soluzione affinché il Perciasacchi, tutelato sulla carta, non sia travolto da surrogati prodotti in quantità notevolmente maggiore e magari a prezzo più basso. “Al momento non abbiamo avuto risposa dal ministero sulla richiesta di un tavolo tecnico”, dice a FocuSicilia il dirigente Cartabellotta. A rischio c’è “il lavoro di tanti produttori locali”, visto che l’apertura ai grani turanici “crea un problema di mancata valorizzazione dell’identità”. Il pericolo è che la categoria del turanico “assorba” il Perciasacchi, “offuscando il grande lavoro che fanno i nostri produttori”. Grazie a lori questo grano antico siciliano ha assunto notorietà nazionale. “Vederselo copiato, e copiato in malo modo, non sarebbe una bella cosa”, conclude il dirigente.

- Pubblicità -
Valerio Musumeci
Valerio Musumeci
Valerio Musumeci (Catania, 1992), è giornalista pubblicista e scrittore. Nel 2015 ha esordito con il pamphlet storico-politico "Cornutissima semmai. Controcanto della Sicilia buttanissima", Circolo Poudhron, con prefazione della scrittrice Vania Lucia Gaito, inserito nella bibliografia del laboratorio “Paesaggi delle mafie” dell'Università degli Studi di Catania. Nel 2017, per lo stesso editore, ha curato un saggio sul berlusconismo all'interno del volume "L'Italia tradita. Storia del Belpaese dal miracolo al declino", con prefazione dell'economista Nino Galloni. Nel 2021 ha pubblicato il suo primo romanzo, "Agata rubata", Bonfirraro Editore.

DELLO STESSO AUTORE

1 commento

  1. Scusate un po ma però se sti custodi dovevano conservare durum e oggi si accorgono che c’anno turanicum forse hanno sbagliato lavoro….
    Di che si stanno a lamentà? O al solito pretendano privilegi che non meritano…
    A curare i campi dovete stare che sicuro ne tengono bisogno!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

19,385FansMi piace
462FollowerSegui
313FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli