fbpx

Green pass obbligatorio, Ugl Catania: “Lavoro e ripresa economica a rischio”

L'allarme del sindacato etneo: molti lavoratori non sono vaccinati e dovranno ricorrere al tampone. La certificazione obbligatoria "rischia di non dare impulso alle vaccinazioni"

Da domani, come previsto con decreto dal Governo nazionale, scatta l’obbligo di possesso del certificato verde “Green pass” per tutti i lavoratori del settore pubblico e privato. A Catania, dove la percentuale dei soggetti vaccinati seppur lentamente sta aumentando, è purtroppo ancora elevato il numero di coloro che non si sono vaccinati e, per ottenere il documento, dovrà fare ricorso al tampone rapido o molecolare a pagamento. Una situazione che preoccupa non poco la Ugl, in previsione di possibili disagi sulla scorta dei primi sentori che si stanno avendo in gran parte d’Italia.

Leggi anche – Green pass per i lavoratori. Cgil: “anacronistico pagare per lavorare”

Rischio “muro contro muro”

“Siamo stati sempre favorevoli all’introduzione del ‘Green pass’ e abbiamo sin dall’inizio sostenuto l’importanza e la necessità della campagna vaccinale, ma abbiamo il timore che questo giro di vite voluto dal Governo Draghi si tramuti in un cortocircuito capace di danneggiare l’economia, la ripresa e non dare alcun impulso alle vaccinazioni”, dice il segretario territoriale della Ugl di Catania, Giovanni Musumeci. “Si rischia seriamente un muro contro muro che, a nostro avviso, non porterà da nessuna parte, se non ad un caos ed all’emanazione di provvedimenti come quello emanato nei giorni scorsi dal Ministero dell’Interno dopo i fatti di Trieste. Ci allarma particolarmente il fatto che, da qui al termine dello stato di emergenza, interi settori produttivi ed economici anche del territorio etneo, oltre che i cittadini stessi, possano subire gravi danni. Questo perché le regole imposte, pur di non attuare l’obbligo vaccinale, non guardano alle reali esigenze del mondo del lavoro”.

Leggi anche – Green pass per i lavoratori, un obbligo “con evidenti contraddizioni”

I dubbi sulla certificazione

“Prendiamo il caso di un turnista qualsiasi”, prosegue il segretario, “che si fa un tampone rapido oggi valido per 48 ore (non consideriamo quello molecolare che dura invece 72 ore, sebbene il responso arrivi dopo anche 24 ore). Quando dovrebbe recarsi a farsi lo screening per evitare che il certificato scada mentre si trova a lavoro? Un autista del trasporto pubblico locale o un autotrasportatore, ad esempio, che fa scende dal mezzo e si ferma in attesa di nuovo tampone? Questo per non parlare dei costi a carico dei lavoratori. E perché un dipendente di un ufficio aperto al pubblico deve avere il ‘Green pass’ pensa sospensione dal lavoro senza retribuzione e un utente qualsiasi può entrare negli uffici (da non visitatore) senza? Il Covid-19 è per tutti o è solo per chi lavora? I luoghi di lavoro, sappiamo bene dopo le innumerevoli riunioni anche a livello di Prefettura, in questa fase sono i posti più sicuri rispetto all’esterno poiché soggetti a disposizioni e controlli”.

Leggi anche – Università e green pass obbligatorio. “Non compromesso il diritto allo studio”

Servono regole di buonsenso

“Riteniamo quindi che in un momento particolare come questo”, aggiunge Musumeci, “in cui comunque quasi l’80 per cento degli aventi diritto ha avuto almeno una dose e si sta iniziando con la terza dose a causa degli scaglionamenti a rilento della campagna vaccinale per cui i primi a vaccinarsi oggi hanno nuovamente bisogno di anticorpi, si scrivano regole di buonsenso. Il lavoro, soprattutto dopo la conclusione dello blocco dei licenziamenti, nonché l’economia necessitano di sostegni per ricominciare a correre e non di ulteriori danneggiamenti, in particolare nell’area metropolitana di Catania dove il Covid-19 ha massacrato l’impresa. Allo stesso tempo chiediamo un ulteriore sforzo, promosso dal Governo nazionale con il coinvolgimento della Regione e delle sue diramazioni territoriali, perché la già avviata attività di sensibilizzazione sulla validità del vaccino sia ancora più forte e determinata”.

Leggi anche – Scuola e green pass. Caos a pochi giorni dal via. “Obbligo vaccinale indiretto”

Convincere gli indecisi

“Se oggi c’è una quota di indecisi è anche perché, in questi mesi, non vi è stata la chiarezza giusta quella che”, conclude il segretario della Ugl catanese, “ancora oggi purtroppo continua ad alimentare questa inutile confusione che non può assolutamente acuire i problemi già non indifferenti di lavoratori e cittadini”.

- Pubblicità -
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

18,249FansMi piace
313FollowerSegui
256FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli