fbpx

Home banking e truffe: clienti distratti e responsabilità delle banche

La Fabi di Palermo parla di una "escalation di truffe bancarie", che si annidano tra le operazioni online e che non accennano a diminuire. Necessaria un'educazione digitale per i clienti, mentre gli istituti potrebbero avere oneri gravosi in caso di truffe

Non più “mani in alto, questa è una rapina” ma crimini più subdoli e tecnologici: le truffe informatiche, consumate ai danni dei clienti che usano l’home banking, sempre più numerosi e purtroppo spesso anche distratti. La banca però, non è esente da responsabilità, anzi. Deve sempre tutelare il cliente e dimostrare di averlo fatto. La Fabi di Palermo, il principale sindacato dei bancari, parla di una “escalation di truffe bancarie”, che si annidano tra le operazioni online e che non accennano a diminuire. Dal phishing allo spoofing, fino alla sim swap fraud, nomi un po’ misteriosi dietro ai quali si nascondono strumenti che provocano perdite ingenti per i correntisti che sempre più spesso decidono di rivolgersi ad un legale per recuperare le somme indebitamente sottratte. Nel 2021, la Polizia postale e delle comunicazioni, impegnata nel far fronte al cosiddetto ‘financial cybercrime’, nel solo compartimento della “Sicilia Orientale”, nell’ambito delle frodi informatiche e delle truffe online ha trattato 1.839 casi e denunciato 370 persone, in linea con i dati statistici nazionali. Nell’ambito del computer crime (furto di identità, attacchi informatici, malware) sono stati trattati 346 casi ed indagate 10 persone.

Leggi anche – Il caro-energia fa crescere il rischio di deterioramento per i prestiti bancari

Necessaria un’educazione digitale per i clienti

Tutte circostanze che proeccupano il sindacato. “Abbiamo iniziato una campagna di denuncia ma soprattutto di informazione – afferma Gabriele Urzì, segretario Provinciale Fabi e responsabile Salute e Sicurezza Fabi Palermo – perché il fenomeno è a volte sottovalutato e, spesso, le banche ed altri intermediari finanziari, tendono ad imputare la colpa delle truffe esclusivamente alla disattenzione o alla poca accortezza degli utenti. Ma non è esattamente sempre così e occorre fare ‘educazione digitale’ rivolta a quelle fasce di clientela non adeguatamente preparate che, a seguito della massiccia chiusura di agenzie nelle città e in provincia sono costrette ad adoperare smartphone, app e home banking anche quando non sono in grado. Siamo molto preoccupati perché le banche rischiamo un contenzioso legale che non fa bene a nessuno, in quanto la normativa italiana viene in soccorso del correntista – precisa Urzì – e prevede che, se tempestivamente denunciata, sia onere degli istituti di credito provare che l’operazione fraudolenta contestata sia stata autenticata e correttamente registrata e contabilizzata”.

Leggi anche – Banche, in Sicilia sempre meno sportelli. Fabi chiede aiuto alla Regione

Banca obbligata a tutelare il cliente

In relazione ai fenomeni di phishing, smishing e vishing, tecniche utilizzate per carpire illecitamente dati personali e bancari, la Polizia Postale ha rilevato nel 2021 un aumento del 27 per cento dei casi trattati per un totale di oltre 18 mila reati di furto di credenziali per accesso ai sistemi di home banking, di numeri di carte di credito, di chiavi private di wallet di cryptovalute con 781 persone denunciate. Proprio a Palermo, l’Abf (l’Arbitro bancario finanziario) nel 2021 ha condannato Poste Italiane alla restituzione dell’importo di oltre 10 mila euro sottratto ad un proprio cliente (assistito da uno studio legale) vittima di una truffa informatica realizzata tramite home banking in quanto ha affermato che ‘grava sull’intermediario il dovere di adempiere all’obbligo di custodia dei patrimoni della propria clientela con la diligenza professionale richiesta dall’art. 1176, comma 2 c.c., dovendo predisporre misure idonee ad evitare l’accesso fraudolento a terzi’. Se l’istituto di credito o l’intermediario finanziario non è in grado di dimostrare di aver adottato tutte le misure idonee a garantire la sicurezza e la regolarità delle operazioni di pagamento, scatta la condanna alla restituzione delle somme illecitamente sottratte al correntista.

Leggi anche – Banche, Crédit Agricole si presenta alla Sicilia: “Assunzioni e investimenti”

I clienti truffati si rivolgono all’avvocato

Sempre nel 2021 l’Abf di Palermo ha integralmente accolto il ricorso di un correntista, assistito da un noto studio legale, che era rimasto vittima di phishing. Si tratta di una truffa informatica effettuata inviando un’e-mail con il logo contraffatto di un istituto di credito o di una società di commercio elettronico, in cui si invita il destinatario a fornire dati riservati motivando tale richiesta con ragioni di ordine tecnico. Ma sono solo degli esempi, i casi sono tanti e riguardano soprattutto i grandi gruppi bancari. “Sempre più clienti truffati – dice Urzì – si rivolgono agli avvocati per far valere le proprie ragioni e tanti studi legali, anche a Palermo, pubblicizzano le sentenze a favore dei clienti truffati e spingono gli utenti vittime di raggiri ad intentare cause. Occorre stoppare il fenomeno delle truffe online che si è aggravato anche in Sicilia a seguito delle chiusure di tantissime filiali che hanno costretto utenti non preparati all’uso dell’home banking, strumento utilissimo ma che non tutti sono in grado di adoperare con cautela: basti pensare agli anziani, ai soggetti poco scolarizzati o avvezzi all’uso del digitale, ma anche a tanti giovani magari bravissimi nell’uso dei Social ma poco attenti all’uso dei canali digitali bancari”.

Leggi anche – “Sportelli bancari, penalizzate 320 mila persone”. Fabi Sicilia scrive ai candidati

In caso di truffe, le banche hanno oneri gravosi

La questione è controversa e secondo i recenti pronunciamenti dell’Abf le banche hanno un onere gravoso in caso di truffe: devono provare di aver posto in essere ogni tutela estintiva dell’altrui pretesa, dimostrando che l’evento dannoso si è verificato solo a causa di forza maggiore o di errore commesso da parte del titolare del conto. In assenza di ciò il correntista avrà diritto al risarcimento del danno patito e, nel caso in cui sia stato vittima di frode, ad esempio di phishing, potrà in certi casi procedere penalmente nei confronti dei truffatori e chiedere il risarcimento del danno alla propria banca. “Non vogliamo e non possiamo permetterci che si alimenti un contenzioso tra correntisti e banche – sottolinea il sindacalista – e ci adopereremo affinché si mettano in atto tutte le misure più idonee ad evitare che dilaghino truffe bancarie soprattutto facendo educazione digitale e coinvolgendo istituzioni esterne e pubbliche perché la sola campagna di sensibilizzazione portata avanti anche da Polizia postale e Governo non basta, purtroppo”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli