fbpx

“In Sicilia 19% di lavoro irregolare”. La denuncia “natalizia” di Confartigianato

L'associazione ha lanciato una campagna di sensibilizzazione contro l'abusivismo, "che mette a rischio la sopravvivenza delle piccole e medie imprese". I dati dell'Osservatorio economico

Il sommerso rappresenta un grave fenomeno di concorrenza sleale per le imprese regolari. Negli ultimi anni la minaccia del sommerso, abusivismo e illegalità ha messo sempre più a rischio, da una parte, la sopravvivenza dei nostri artigiani e delle piccole e micro imprese. Dall’altra, sono sempre maggiori i rischi per l’utenza che si affida a lavoratori irregolari e non qualificati. Confartigianato Sicilia, alle porte del Natale, ha voluto porre l’accento sulla necessità di affidarsi agli artigiani, a coloro che riescono ad elevare il valore della materia prima, riescono a creare un prodotto di qualità, senza imprevisti. È per questo che si è pensato a un video di Natale alternativo. Un video che, scegliendo la strada dell’ironia, dà il senso di ciò che ne consegue dallo scegliere professionalità non qualificate, dall’affidarsi ai “tuttofare” di turno.

Leggi anche – Covid, la Sicilia perde 15 mila posti di lavoro. Il report di Confartigianato

I numeri degli irregolari

“Regalati un Natale senza imprevisti – Affidati alle Imprese artigiane”. È questo il messaggio che abbiamo voluto lanciare con il nostro video. Una produzione che è stata affidata a Just Maria – un’impresa artigiana –, e che vede come protagonista l’attore Dario Raimondi insieme con Antonio Alveario, Giovanna Cossu, Paolo Di Piazza e Patrizia Schiavone. In Sicilia il numero di lavoratori non regolari sono 283 mila, il doppio dei lavoratori regolari del manifatturiero, tre volte quelli dell’agricoltura e quattro volte quelli delle costruzioni. Sono numeri che fornisce l’Osservatorio economico di Confartigianato Sicilia studiando gli ultimi dati Istat disponibili riferiti al 2018. In Sicilia il peso del lavoro irregolare sull’occupazione – tasso di irregolarità – si attesta al 18,7 per cento , raggiungendo valori più alti pari al 36,6 per cento nell’agricoltura e al 23,8 per cento nelle Costruzioni. La Sicilia è la terza regione dopo Calabria e Campania per tasso di irregolarità (18,7 per cento), che risulta sopra di 5,9 punti a quello medio nazionale (12,9 per cento) e di 0,8 punti a quello medio regionale (17,9 per cento).

Leggi anche – Confartigianato Sicilia: le materie prime costano alle imprese 460 milioni in più

Tutelare le imprese artigiane

“I dati sul sommerso sono preoccupanti”, dice Giuseppe Pezzati, presidente di Confartigianato Sicilia, “Ed è anche per questo che riteniamo indispensabile sensibilizzare l’opinione pubblica sul valore degli artigiani, sulla necessità di affidarsi alle imprese artigiane, linfa vitale dell’economia di questo Paese che va tutelata e valorizzata. Abbiamo quindi voluto lasciare il segno questa volta con un video, che abbiamo affidato per la produzione a Just Maria, la video company palermitana che ha lavorato con brand locali, nazionali e internazionali, negli ultimi mesi alla ribalta delle cronache firmando il filming run della Red Bull”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli