fbpx

Industria, fatturato in picchiata. Trasporto e tessile i peggiori

I dati rilevati ad aprile 2020 sono, secondo l'Istat, i peggiori mai registrati in termini sia congiunturali sia tendenziali. Grossa perdita sia per fatturato che ordinativi

Una lunga linea in discesa, in picchiata, segna i dati dei fatturati e ancora di più degli ordinativi dell’industria italiana nel mese di aprile rispetto a marzo. E il crollo è ancora più marcato se si paragonano i dati anno su anno. “Un calo senza precedenti degli indici complessivi”, lo definisce Istat nel suo report. “I peggiori risultati per entrambe le serie storiche in termini sia congiunturali sia tendenziali”.

Perdita di fatturato e ordinativi

Il calo del fatturato industriale nel mese di aprile è di poco meno di 30 punti percentuali rispetto al mese precedente, quello di marzo. Ma la diffusione del virus e il relativo lockdown per contrastarne la diffusione hanno ripercussioni sugli ultimi tre mesi, con una flessione vicina al 24 per cento rispetto ai tre mesi precedenti. Un dato che vale sia per il mercato interno (-28) che soprattutto estero (-32). Se poi guardiamo il raffronto tra aprile 2020 e aprile 2019 la picchiata è evidente: meno 47 per cento, con cali del 48 per cento sul mercato interno e del 44,6 su quello estero. Le cose vanno peggio guardando agli ordinativi. Si arriva a una flessione di oltre 32 punti percentuali rispetto a marzo e a quasi il 28 per cento su base trimestrale. In questo caso però è il mercato interno che registra la flessione più rilevante (-34), sebbene anche gli scambi verso l’estero abbiano subito una forte contrazione (-30).

I settori più colpiti

Secondo la rilevazione dell’istituto nazionale di statistica i danni sono “assai limitati” per il settore farmaceutico che perde appena lo 0,2 in termini di fatturato ma aumenta gli ordinativi dei 1,5 punti. “Relativamente meno marcato” è il calo per il comparto alimentari (-9,5). Per tutti gli altri settori “si registrano diminuzioni superiori al 25 per cento”. Alcuni, in particolare, piangono lacrime amare. I mezzi di trasporto sono i più colpiti con un fatturato in negativo di 73,5 punti e un ordinativo di -71. Seguono l’industria tessile, l’abbigliamento e i prodotti in pelle con -78,5 di fatturato e -66,5 di ordinativi. Sopra la soglia di perdita del 26 per cento, sia per fatturato che ordinativi, anche il settore della chimica.

- Pubblicità -
Desirée Miranda
Desirée Miranda
Nata a Palermo, sono cresciuta a Catania dove vivo da oltre trent'anni. Qui mi sono laureata in Scienze per la comunicazione internazionale. Mi piace raccontare la città e la Sicilia ed è anche per questo che ho deciso di fare la giornalista. In oltre dieci anni di attività ho scritto per la carta stampata, il web e la radio. Se volete farmi felice datemi un dolcino alla ricotta

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,945FansMi piace
511FollowerSegui
337FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli