fbpx

Isab Lukoil di Priolo, manifestazione di Ugl Chimici contro il rischio chiusura

Secondo il sindacato, che annuncia la protesta per il 21 giugno, "l'embargo del petrolio russo via mare, sta mettendo in ginocchio l’intero polo che oggi impiega circa 8 mila persone e raffina petrolio per il 26 percento della capacità italiana"

Una manifestazione il prossimo 21 giugno davanti ai cancelli della Lukoil di Priolo con un’assemblea sindacale ed un sit-in da parte dei lavoratori in stretta collaborazione con le strutture territoriali. Lo annuncia Ugl Chimici “per richiamare l’attenzione del Governo che, con l’embargo del petrolio russo via mare, sta mettendo in ginocchio l’intero polo che oggi impiega circa 8 mila persone e raffina petrolio per il 26 percento della capacità italiana”.

“Dramma per migliaia di famiglie e l’economia”

Secondo il sindacato si tratta di “una mobilitazione necessaria per tenere i riflettori accesi su una vicenda che l’Ugl Chimici non permetterà si trasformi nell’ennesimo dramma per migliaia di famiglie e per l’economia generale del territorio italiano. Va evitata la chiusura degli impianti Isab-Lukoil e la perdita di posti di lavoro che aumenterebbe non poco la tensione sociale”. A partecipare alla mobilitazione i lavoratori di tutte le categorie: “Nostra intenzione attraverso la manifestazione – spiegano spiega il Segretario Nazionale dell’Ugl Chimici Luigi Ulgiati ed il Segretario per l’Energia Michele Polizzi – è spingere le istituzioni a trovare una soluzione ribadendo la necessità di aprire un tavolo attorno al quale discutere tutti assieme di come poter uscire da una crisi che, di fatto, potrebbe mettere in ginocchio un polo fondamentale non solo per Siracusa e la Sicilia ma per l’intera nazione”.

Velocizzare sull’Area di Crisi

“Nessuno – avverte il sindacato – si fermi ad aspettare il tempo che passa: mettere la Lukoil in condizioni di operare è una priorità, come lo è ridare alla raffineria le credenziali per accedere al credito finanziario interrotto per paura di sanzioni o in alternativa prevederne la nazionalizzazione per il tempo occorrente o ricercare immediatamente un compratore per la raffineria. Come già detto nelle scorse settimane, è necessario velocizzare la costituzione dell’Area di Crisi Complessa e dare seguito a tutte quelle iniziative che le aziende presenti sul territorio si sono già dette disponibili a mettere in campo in termini di investimenti per riconvertirsi verso un’economia green e più sostenibile. Migliaia di posti di lavoro sono fortemente a rischio e questo paese non può permettersi il lusso di perderli”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
324FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli