fbpx

La Sicilia resta in zona arancione. Indice Rt in calo a 0,89, ma non basta

L'isola resta nella fascia media di rischio, insieme a Sardegna e Valle d'Aosta. Dati della pandemia in miglioramento, si fatica sui vaccini

La Sicilia resta in zona arancione. Lo prevede la nuova ordinanza firmata in serata dal ministro della Salute Roberto Speranza, in vigore da lunedì 10 maggio. Il monitoraggio settimanale della pandemia da Covid-19 nell’isola, pur mostrando segnali di miglioramento, non consente ancora di allentare le restrizioni. L’indice Rt è sceso a 0,89, contro il dato di 1,02 di una settimana fa. Il sistema di monitoraggio, tuttavia, prevede che i dati positivi siano confermati per due settimane consecutive per il cambio di area. Per questo la Regione siciliana resta nella fascia media di rischio, insieme a Sardegna e Valle d’Aosta. Tutte le altre regioni italiane, da lunedì, saranno in zona gialla.

Leggi anche – Covid, come si ottiene il pass sanitario per circolare liberamente tra regioni

I dati della pandemia

I dati giornalieri sul contagio, raccolti dall’Ansa, parlano di 603 nuovi positivi su 25.740 tamponi processati. L’incidenza è del 2,3 per cento, in diminuzione rispetto alla giornata di ieri. Le vittime del Covid-19 sono state 11, per un totale di 5.527 dall’inizio della pandemia. I guariti sono stati 1.140. Il numero degli attuali positivi è di 23.330, oltre 500 meno del giorno precedente. Negli ospedali i ricoverati sono 1.163, 49 in meno rispetto a ieri, quelli nelle terapie intensive sono 142, sette in meno rispetto a ieri. La distribuzione tra le province vede in testa Catania (207 casi), seguita da Palermo (121), Siracusa (56), Ragusa (54), Messina (52), Agrigento (44), Caltanissetta (35), Trapani (18) ed Enna (16). Sono più di venti i comuni tuttora in zona rossa.

Leggi anche – Covid, nuove linee guida nelle università siciliane. Cosa cambia a Catania

Vaccinazioni in ritardo

La Regione è nona per numero di contagi giornalieri. I dati sulle vaccinazioni pongono invece l’isola in fondo alla classifica. In Sicilia sono stati somministrati poco più di un milione e 600 mila vaccini, su oltre due milioni di dosi disponibili. La percentuale supera di poco il 76 per cento, contro una media nazionale dell’85 per cento. Secondo Opendata, inoltre, l’isola è ultima in Italia anche per dosi somministrate rispetto alla popolazione. Ad aver ricevuto almeno una dose è il 32 per cento dei siciliani, mentre ad aver completato il ciclo vaccinale è poco più del dieci per cento.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli