fbpx

Lavoratori autoparco Catania, Snalv: “nel degrado, senza luce né acqua”

Senza luce né acqua attorniati da rifiuti e abbandono: la situazione dei custodi dell’autoparco comunale di Pantano d’Arci, dipendenti Multiservizi. Antonio Santonocito, Snalv, Confsal: “Insostenibile per la dignità di esseri umani e di lavoratori”

I 9 custodi, lavoratori dell’autoparco di Catania a Pantano d’Arci, dipendenti della Multiservizi, sono costretti a lavorare da mesi senza luce né acqua in un contesto di forte degrado. “Una condizione da terzo mondo” la definiscono i lavoratori. “Insostenibile per la dignità di esseri umani e di lavoratori”, aggiunge il segretario regionale Snalv, Confsal, Antonio Santonocito.

Lavoratori autoparco Catania e la richiesta d’intervento

“Abbiamo più volte chiesto che si risolva il problema al più presto, ma il presidente, contattato telefonicamente, mi ha detto che il problema dipende dal Comune. Una risposta inaccettabile dal momento i lavoratori dipendono dalla Multiservizi e che vivono disagi che vanno contro ogni buon senso. Queste condizioni non sono accettabili e ancora più insopportabili con le alte temperature. Nei giorni scorsi si sono superati i 43 gradi e i nostri lavoratori erano lasciati lì senza luce né acqua. Non possono neanche usare il bagno per i propri bisogni, che comunque è in pessime condizioni, perché manca l’acqua. Una condizione da terzo mondo. È inaccettabile e va risolta subito”, dice Santonocito.

La situazione di disagio

I 9 dipendenti della Multiservizi sono assunti per fare da custodi all’autoparco comunale. La mancanza di luce e acqua aggrava un contesto già in abbandono. In pratica, così lo descrivono, un deposito abbandonato, pieno di rifiuti, con muri di recinzione rotti e dunque accesso libero a ladri o malintenzionati “che hanno già rubato di tutto” e recinzioni ormai fuori uso. Ci sono anche cavi scoperti, bagni inutilizzabili. Coprono o meglio dovrebbero coprire il servizio nelle 24 ore con 4 turni (mezzanotte – sei del mattino, 6 – 12; 12 – 18; 18 – 00), ma senza luce il turno notturno è praticamente impossibile. “Non si vede nulla, quando cala il sole qui è notte fonda. È impossibile fare la ronda, è pericoloso”, lamentano ancora i dipendenti.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli