fbpx

Lavoro, Cgil Sicilia commenta il bilancio Inps: “Mercato povero e frammentato”

Per la segretaria regionale Monica Genovese, se le regole non cambieranno "si andrà verso nuove disuguaglianze". Critiche alla bozza di legge di bilancio del governo nazionale

I dati Inps sulle prestazioni erogate in Sicilia “sono la fotografia di un mercato del lavoro povero e frammentato, che rende ancora più urgente, oltre alle politiche di sviluppo, la riforma del sistema pensionistico e di quello degli ammortizzatori sociali. Se questo non avverrà si andrà verso nuove disuguaglianze”. Lo dice Monica Genovese, segretaria regionale Cgil, che è intervenuta ieri alla presentazione del bilancio sociale dell’Inps.

Leggi anche – Naspi, dall’Inps servizio interattivo per gli utenti con Qr Code e video guida

Le novità sul Reddito di cittadinanza

A proposito del reddito di cittadinanza Genovese sostiene che “occorre distinguere la previdenza dall’assistenza, riportandolo nel suo naturale alveo di misura di contrasto alla povertà”, rilevando anche la necessità di “implementare la dotazione di ispettori per migliorare l’attività di vigilanza”. “Sulla previdenza”, aggiunge l’esponente della Cgil, “occorre che si riapra il confronto guardando sia ai generi che alle generazioni, posto che il sistema prevalentemente contributivo, se non adeguatamente corretto può generare nuove e profonde disuguaglianza”.

Leggi anche – Inps, al via le domande di adesione al Fondo credito. Scadenza febbraio 2022

Le carenze della Reddito di cittadinanza

“Purtroppo”, sottolinea Genovese”, la bozza di legge di bilancio non rappresenta ancora soprattutto in materia pensionistica e di riforma degli ammortizzatori sociali una risposta adeguata e sufficiente all’insieme delle richieste e delle proposte di Cgil, Cisl e Uil. In particolare”, prosegue, “la mediazione politica sui temi previdenziali oltre che interessare un numero limitatissimo di lavoratori e di lavoratrici non affronta alcune questioni fondamentali come la necessità di prevedere l’introduzione di una pensione contributiva di garanzia per i più giovani, una flessibilità in uscita per tutti dopo i 62 anni di età o 41 di contributi, interventi che tengano conto della specifica condizione delle donne, dei lavoratori disoccupati, discontinui e precoci, dei lavori gravosi e usuranti. Oltre al fatto”, afferma Genovese, “che le stime basate su quota 102 dimostrano che saranno circa 33 mila le persone coinvolte contro le 141 mila domande accolte nel 2020”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

18,249FansMi piace
313FollowerSegui
304FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli