fbpx

“L’insopportabile lentezza” degli appalti (che però aumentano)

Per il terzo anno consecutivo, crescono numero degli avvisi e importi dei lavori. Ma i livelli pre-crisi sono ancora lontani e la burocrazia frena le procedure. I dati e le richieste di Ance Sicilia

Aumentano i bandi di gara e cresce in modo deciso il loro importo. Restano però lontani, lontanissimi, i livelli pre-crisi. Lo afferma l’Osservatorio annuale delle costruzioni di elaborato dall’Ance Sicilia. L’organizzazione, pur riconoscendo “l’impegno del governo Musumeci”, invoca “più stanziamenti sulle infrastrutture” e un “potenziamento amministrativo” per accelerare il lavoro delle stazioni appaltanti.

Appalti, tre anni in crescita

Nel 2019, i bandi di gara di competenza regionale pubblicati sulla Gazzetta ufficiale sono stati 228, il 4 per cento in più rispetto all’anno precedente. Ben più significativo è il progresso dell’importo dei lavori: grazie a un balzo del 24 per cento, ha sfiorato i 358 milioni di euro. Cifre di questa entità non si vedevano dal 2014. Lo scorso anno conferma una tendenza positiva: sia per numero di bandi che per importi, è il terzo consecutivo con segno più. Un buon segnale, soprattutto perché i progressi del triennio sono arrivati dopo un lustro di tracollo. Nel 2016, l’importo dei lavori assegnati era sprofondato a un decimo del valore rispetto a dieci anni prima.

Ma i livelli pre-crisi sono lontani

Ance Sicilia sottolinea però anche “il tanto che manca”. Guardando le serie storiche, infatti, i livelli precedenti alla grande crisi. Tra la seconda metà degli anni ’90 e i primi anni del nuovo millennio, superare il miliardo era diventata una consuetudine. E nonostante il recupero degli ultimi tempi, rispetto al 2007 resta un calo del 72 per cento per numero di bandi e dell’81,6 per cento per importi proposti al mercato. Il risultato è “meno positivo”, scrive Ance Sicilia, se lo sguardo si allarga dai soli bandi di competenza regionale a quelli che fanno capo allo Stato e alle sue partecipate: anche in queso caso l’importo complessivo ha fatto un bel balzo (+28 per cento, a 1,79 miliardi) ma il numero di avvisi publicati è rimasto stabile (sono stati 1.413). Una andamento di questo tipo, con gli importi che crescono molto di più rispetto ai bandi, che – sottolinea Ance Sicilia – tende a penalizzare le Pmi.

Chart by Visualizer

Gli appalti per provincia

Palermo ha registrato il maggior numero di bandi: 52. Appaiate, alle sue spalle, Agrigento, Catania e Messina (che però segna un forte decremento rispetto al 2018). Anche Enna e Ragusa hanno fatto registrare un calo. Caltanissetta ha invece triplicato gli avvisi pubblicati (da tre a nove) e quelli di Trapani sono aumentati del 21 per cento.

Chart by Visualizer

Lavori, bene Palermo e Caltanissetta

Guardando agli importi, i lavori si sono lievemente contratti a Siracusa, mentre sono crollati a Ragusa, dove gli 11,9 milioni del 2019 rappresentano circa un terzo dell’ammontare 2018. Tutte le altre province siciliane hanno segnato un andamento positivo. Caltanissetta è passata da 2,8 a oltre 14 milioni di euro. Generosi anche i passi avanti di Palermo (a 86 milioni), Trapani (oltre 27 milioni), Agrigento (45,7 milioni) e Messina. Nonostante la forte riduzione degli avvisi, la città dello Stretto ha pubblicato bandi per 61,5 milioni, con un aumento anno su anno vicino al 30 per cento.

Chart by Visualizer

Ance: “Investire e semplificare”

Le richieste di Ance Sicilia sono ormai un mantra. “Per consentire alla Sicilia di diventare competitiva e attrattiva per gli investimenti servono più stanziamenti per le infrastrutture, dall’Alta velocità all’inserimento effettivo nel Corridoio Scan-Med, dalla logistica portuale al miglioramento delle strade”. Occorre anche “un poderoso sforzo di potenziamento amministrativo, di dotazione di strumenti tecnici e di formazione del personale delle stazioni appaltanti per evitare che, come accaduto finora, buona parte delle gare venga aggiudicata con insopportabile lentezza”.

- Pubblicità -
Paolo Fiore
Paolo Fiore
Leverano, 1985. Leccese in trasferta, senza perdere l'accento: Bologna, Roma, New York, Milano. Ho scritto o scrivo di economia e innovazione per Agi, Skytg24.it, l'Espresso, Startupitalia, Affaritaliani e MilanoFinanza. Aspirante cuoco, sommelier, ciclista, lavoratore vista mare. Redattore itinerante per FocuSicilia.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
325FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli