fbpx

Maltempo, disagi in tutta la Sicilia. Crollato un ponte a Castellammare

Il meteo torna a flagellare l'isola, creando problemi in diverse province con intere famiglie costrette ad evacuare le proprie abitazioni. Protezione civile al lavoro per limitare i danni

Il meteo non dà tregua alla Sicilia. Gli uomini della protezione civile regionale da stanotte stanno operando per favorire il rientro alla normalità dopo l’ondata di maltempo che in queste ore si è abbattuta sull’isola. Le criticità più grosse sono ad Agrigento, dove a causa dell’esondazione del Fiume Akragas sono state evacuate otto famiglie dalle loro abitazioni. In provincia di Trapani a Calatafimi-Segesta da ieri notte si registra l’esondazione del Fiume Freddo, anche qui otto famiglie sono state evacuate. A Castellammare del Golfo, le squadre di volontari e soccorritori sono in azione per un crollo parziale del ponte sul Fiume San Bartolomeo.

Leggi anche – Regione, un milione di euro per tredici Comuni colpiti dall’ondata di maltempo

Il sopralluogo della Regione

Sull’episodio di Castellammare è intervenuto in serata l’assessore alle Attività produttive Mimmo Turano, che questo pomeriggio si è recato in sopralluogo al ponte San Bartolomeo. “Il collega Marco Falcone e il direttore dell’Anas Celia mi hanno assicurato di essere già pronti a valutare alcune ipotesi di collegamento provvisorio per ristabilire la viabilità sulla ss 187 tra Castellammare del Golfo e Alcamo. Sarà necessario”, spiega Turano, “attendere la fine della piena del fiume San Bartolomeo per poter compiere un sopralluogo tecnico per valutare attentamente i danni riportati dall’infrastruttura. Alla luce di questi dati poi potranno essere esplorate le diverse soluzioni in campo anche con un confronto con il Comune di Castellammare che con l’Anas e comproprietario del ponte”.

Leggi anche – Maltempo, in Sicilia stato d’emergenza per decine di Comuni. 20 milioni di danni

Famiglie evacuate nel catanese

Come detto, l’ondata di maltempo non sembra risparmiare nessuna pare dell’isola. A Catania, precisamente a Licodia Eubea, sono state evacuate due famiglie composte entrambe da due coniugi in età avanzata, a causa di un grosso masso che si è staccato dal versante adiacente la loro abitazione e ha colpito l’edificio. Il sindaco sta provvedendo alla loro sistemazione. A Sciacca, il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile Siciliana, preposto alle attività di controllo dei rischi Idraulici e Idrogeologici del territorio regionale, al monitoraggio degli eventi, alla valutazione della criticità e all’allertamento del Sistema di Protezione Civile, ha inviato squadre della Organizzazione di Volontariato AVVF.C. Sciacca per osservazione dello stato delle criticità all’intersezione della SP 56 sul fiume Belíce.

Leggi anche – Maltempo, da Ebas fino a 5.000 euro a fondo perduto per gli artigiani colpiti

La situazione nel messinese

Per quanto riguarda il territorio di Messina, sempre molto fragile a fenomeni di dissesto idrogeologico registra numerose criticità ma non ci sono sfollati fortunatamente. A San Salvatore di Fitalia c.da stamattina alle ore 8.26 è stato registrato un crollo di una parte di costone roccioso della salita che porta al cimitero. Detriti e massi su strada comunale. A Naso (ME) in Via Giovanni Raffaele, c’è stato il crollo di un fabbricato fatiscente e disabitato. I tecnici sono sui luoghi per verificare stabilità fabbricato adiacente. A Capizzi (Me) i tecnici comunali con i volontari di protezione civile stanno effettuando una ricognizione danni su tutto il territorio valutando soprattutto i fenomeni idrogeologici. Allo stato attuale hanno segnalato un cedimento del corpo stradale in località Birruso a causa di una frana e di colate detritiche sulla s.p. 168 che raggiungono il centro urbano.

Leggi anche – Maltempo, Flai Cgil: “Territorio fragile, avviare subito lavori di bonifica”

Disagi anche nel palermitano

Nel palermitano a causa delle forti piogge, il Sindaco del Comune Piana degli Albanesi oggi su facebook ha invitato la popolazione a fare molta attenzione ed uscire solo per necessità. Criticità si registrano sulle strade esterne di accesso a Piana degli Albanesi, SP 5 Piana Altofonte,ed SP 34 Piana per San Giuseppe Jato. E sulla SP 34 Piana San Giuseppe Jato, prima di Portella della Ginestra, in prossimità dell’agriturismo Kumeta la strada è interessata da una frana e la carreggiata è ostruita da detriti. Presenti sui luoghi Volontari di PC, i tecnici della Città Metropolitana e la Polizia Municipale.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli