fbpx

Palermo, approvato il progetto del Campus universitario privato “Lumsa”

La struttura sorgerà su un'area di 14 mila metri quadrati e ospiterà aule studio, biblioteca e auditorium. L'assessore al Territorio Cordaro: opportunità per l'alta formazione nell'isola

Un campus universitario privato nell’area che ospitava l’ex stazione Lolli di Palermo, con più di 14 mila metri quadrati destinati alla didattica e alla ricerca. In variante allo strumento urbanistico, è stato approvato dall’assessorato Territorio e ambiente, guidato da Toto Cordaro, con decreto del dirigente generale Calogero Beringheli, il progetto presentato dall’Università Lumsa per il restauro e la riqualificazione dell'”ex area Lolli” e del “collegio Casa Bianca”. L’Ateneo romano, che conta circa 7.200 studenti in tutta Italia, aveva acquistato i terreni da Rfi (Rete ferroviaria italiana) per ampliare la sede centrale di via Parlatore e rafforzare così la propria presenza in Sicilia.  

Alta formazione in Sicilia

“Si tratta di un contributo importante per la nostra città”, afferma l’assessore Cordaro, “che consente di riqualificare un’ampia area del centro cittadino che versa in stato di abbandono, restituendola alla collettività. Ma è anche un progetto di interesse regionale, che il governo Musumeci ha voluto sostenere perché consente a tanti giovani di accedere a percorsi di alta formazione direttamente in Sicilia, con un notevole risparmio per le famiglie sui costi legati a un trasferimento fuori dall’Isola”.   

I numeri della struttura

Il progetto prevede il restauro architettonico degli edifici e la riqualificazione urbana dell’area, con la sua riconversione in una vera e propria “infrastruttura culturale”, grazie alla presenza di un’auditorium da 250 posti, una biblioteca di 368 mq che ospiterà 20 mila volumi, nuove aule didattiche, una sala lettura, una cappella, una caffetteria e uffici amministrativi. Prevista anche la sistemazione delle aree esterne, con la realizzazione del “Parco dei binari”, un grande spazio di aggregazione per gli studenti del Campus. 

Un polo per la ricerca e l’innovazione

La Regione ha inoltre annunciato la creazione di un polo per la ricerca e l’innovazione con le quattro università dell’Isola, “utilizzando al meglio le risorse comunitarie. A giorni incontrerò i rettori per definire un percorso”. Lo ha detto il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, intervenendo lo scorso 4 dicembre a Catania alla cerimonia per i cinquant’anni della facoltà di Ingegneria dell’ateneo. “In perfetta collaborazione tra la Regione e le università, siamo chiamati ad affrontare assieme, nei prossimi mesi, sfide vecchie e nuove: dall’energia rinnovabile alla sismicità, dalla desertificazione al cambiamento climatico” ha sottolineato Musumeci, che ha voluto anche ricordare come dalla sinergia con il mondo accademico il suo governo abbia potuto dotare la Sicilia di una legge urbanistica, attesa da quarant’anni. “Meno consumo di suolo e più riqualificazione dell’esistente è l’obiettivo del mio governo – ha ribadito il governatore – e su queste linee ci muoveremo, attingendo alle straordinarie competenze che sanno offrire gli atenei siciliani”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

18,249FansMi piace
313FollowerSegui
311FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli