fbpx

Palermo, l’Istituto case popolari pagherà le “bollette arretrate” ad Amap

Il contenzioso riguarda i consumi idrici in immobili occupati, e si è trascinato per vent'anni. Con l'accordo raggiunto l'Iacp pagherà circa 15 milioni in tre fasi alla società dell'acqua

Si avvia a conclusione il contenzioso per il pagamento dei consumi idrici in immobili occupati, che ha opposto per oltre venti anni l’Istituto Autonomo Case Popolari di Palermo e l’Amap. È stata firmata infatti ieri pomeriggio la transazione che prevede il saldo del debito dell’Istituto, pari a circa 15 milioni, in tre fasi: subito un acconto di oltre cinque milioni resi disponibili dalla Regione a valere sui fondi ex Gescal, una rateizzazione di cinque anni ed una “maxi-rata” finale da otto milioni circa. A sbloccare lo stallo di una vicenda che aveva portato a diverse sentenze, decreti ingiuntivi e pignoramenti è stata una modifica normativa, proposta all’ARS dall’Assessore regionale Marco Falcone, che ha appunto permesso l’utilizzo dei fondi Gescal.

Soluzione a giorni

Già ieri mattina Amap ha chiesto al Tribunale di procedere allo sblocco dei conti correnti dell’Istituto e nei prossimi giorni sarà erogata dallo IACP la prima rata prevista dall’accordo.
All’atto di sottoscrizione dell’accordo, il Commissario dello IACP Fabrizio Pandolfo ha sottolineato che “questo è un momento importante per l’Istituto che chiude finalmente una vicenda che si è trascinata per troppo tempo. Ora dobbiamo lavorare, con Amap e con il Comune, perché vi sia una gestione ordinaria regolare per evitare il ripetersi di questi problemi”. Stesso proposito è stato espresso dall’Amministratore di AMAP Alessandro Di Martino che ha sottolineato come “la collaborazione avviata con l’attuale vertice dello IACP ci deve portare a trovare tutti insieme una soluzione a regime. È anche un modo per garantire a tutti coloro che vivono allo ZEN la possibilità di avere un servizio continuo nel tempo.”

Sinergia tra Regione e Comune

L’Assessore Marco Falcone, che ha partecipato alla firma della transazione si è detto “soddisfatto del risultato raggiunto e contento di aver contribuito, con tutta la Giunta ed il supporto dell’Assemblea Regionale, a trovare la soluzione normativa al problema.”
Stessa soddisfazione e apprezzamento per la collaborazione istituzionale sono venuti dal Sindaco di Palermo Leoluca Orlando, secondo cui “il dialogo e la sinergia fra Regione e Comune hanno finalmente permesso di risolvere una questione spinosa, sperando che si possa proseguire su questa strada anche nei processi di regolarizzazione delle posizioni degli abitanti del quartiere”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli