fbpx

Palermo, Rap approva il bilancio 2021. Criticità per la carenza di personale

L’azienda, ha assicurato l'amministratore unico Caruso, "comunque garantirà gli interventi sul centro storico e nei luoghi dove è presente una maggiore affluenza di turisti"

Ieri, presso la sede della Rap di piazzetta Cairoli, si sono tenute, tra il primo ed il terzo piano, due importanti riunioni. Una tra il management aziendale e i sindacati, l’altra tra il management e gli organi di controllo aziendali e i revisori contabili per un esame congiunto del progetto di bilancio 2021, già approvato dall’amministratore unico di Rap Girolamo Caruso, con un risultato operativo lordo positivo di oltre due milioni di euro.

Turni di raccolta potenziati

Per affrontare i rallentamenti che in questi giorni sono evidenti in alcuni rioni di Palermo sulla raccolta dei rifiuti in città, l’azienda e i sindacati hanno convenuto, su proposta degli uffici, di potenziare il turno del servizio pomeridiano che si occupa della raccolta indifferenziata dei rifiuti attingendo personale dallo spazzamento nel tentativo di affrontare il problema, ancor prima di degenerare in emergenza, visto l’aumento delle temperature estive. L’azienda ha anche riproposto ai sindacati, come già avvenuto durante il periodo natalizio, un progetto da attuare, per i mesi di luglio ed agosto, mirato a premiare la presenza dei lavoratori, chiedendo, ancora una volta, agli stessi, un ulteriore sforzo assicurando la loro presenza assidua a lavoro. Sacrificare quindi, laddove possibile, le ferie, i permessi (retribuiti, sindacali, etcc…) e qualunque altro istituto contrattuale su base volontaria, con l’obiettivo di assicurare all’azienda la maggiore forza lavoro possibile per garantire il servizio giornaliero.

Le carenze di personale

Un servizio ridotto all’osso, causato dalla oramai strutturale carenza di personale le cui unità continuano sempre più a diminuire riducendosi annualmente di non meno di 80 dipendenti. E questo a causa del mancato avvio del piano di fabbisogno fermo da oltre un anno anche se più volte è stata richiesta e sollecitata l’autorizzazione da parte del Comune di Palermo. Il progetto “Presenza a lavoro” su base volontaria sarà modulato per renderlo funzionale alle esigenze estive e ripresentato ai sindacati entro la prossima settimana per essere operativo già il primo luglio. “Il personale che darà supporto alla raccolta sarà attinto dallo spazzamento”, spiega l’amministratore unico Girolamo Caruso. “Siamo consapevoli che già il servizio di igiene del suolo è carente perché ormai ridotto a meno di 100 unità a fronte degli oltre 400 da quando esiste Rap, ma dobbiamo garantire in primis la raccolta da cassonetto, il ritiro dei rifiuti indifferenziati che possono creare problemi di igiene e sanità. Prima del ritiro delle foglie dalle strade, dobbiamo svuotare i cassonetti – tiene a precisare Caruso.

Sensibilizzare i cittadini

L’azienda comunque garantirà ovviamente gli interventi di spazzamento e svuotamento cestini in centro città, sui siti più sensibili, gli interventi sul centro storico e nei luoghi dove è presente una maggiore affluenza di turisti. Ci spiace”, conclude Caruso, “che gli abbandoni ed i comportamenti anomali dei cittadini ormai quotidiani e diffusi non ci aiutino. Non è possibile che dopo poche ore che rimuoviamo intere discariche di ingombranti, le stesse risorgono come funghi. Questa illegalità diffusa assorbe molte risorse aggiungendosi alle già note carenze di personale già esistenti. Il personale Rap sta facendo l’impossibile per garantire la pulizia della città ed è a loro, assieme ai sindacati, che va il mio ringraziamento, ma se non si avviano iniziative di sensibilizzazione e controllo sul territorio contro le discariche e contro la maleducazione di alcuni cittadini, Palermo non sarà mai pulita, nonostante le buone intenzioni di tutte le istituzioni, dal consigliere di quartiere al Sindaco a noi amministratori di Azienda”.

Il bilancio dell’azienda

Nel contempo, in altre stanze, si svolgeva, il consueto incontro con gli organi di controllo aziendali dando il via libera al progetto di bilancio 2021 già approvato dall’amministratore Unico che presenta un risultato operativo lordo positivo di oltre due milioni di euro. “È un risultato importante che, ancora una volta, dimostra, numeri alla mano, l’equilibrio economico dei conti, nonché lo stato di buona salute dell’azienda Rap. E ciò anche grazie alla delibera di Consiglio Comunale che ha preso atto del Pef Tari 2020, mettendo la parola fine, dopo pressanti richieste dell’azienda, all’ultimo capitolo degli extra costi, dovuti ai trasporti dei rifiuti fuori città che ammontano a 23 milioni di euro per il solo anno 2020. Rimane”, ammette Caruso, “qualche problema di liquidità, legato prioritariamente all’impossibilità attuale per il Comune di Palermo di liquidare e pagare a Rap le predette spese già interamente anticipate dall’azienda e i notevoli crediti vantati da tempo”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
324FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli