fbpx

Parco Monte Po, i promotori: proposta accettata ma il Comune adesso tace

Secondo le associazioni il progetto era stato "accolto positivamente" dall'Amministrazione etnea, ma poi "non è seguita sino ad oggi la costituzione di un percorso di coprogettazione"

“Il Piano urbano integrato della Città metropolitana di Catania “Una sintesi tra margini urbani”, finanziato per un importo complessivo di 134.009.086 euro, si è avvalso di alcune idee e proposte avanzate da un ampio ventaglio di associazioni. Purtroppo però a questi suggerimenti accolti positivamente in termini preliminari complessivi non è poi seguita sino ad oggi la costituzione di un percorso di coprogettazione con il terzo settore”. Lo scrivono in una nota le associazioni che compongono il comitato Parco Monte Po-Vallone Acquicella, Lipu Catania, WWF Sicilia Nord Orientale, Italia Nostra Catania, Associazione Idrotecnica Italiana Ets – Sicilia Orientale, Club Alpino Italiano sezione di Catania, SiciliAntica Catania, Cittainsieme, Rete Piattaforma per Librino, Sunia Catania, Comitato Antico Corso, Osservatorio Politiche Urbane e Territoriali, Ente Fauna Siciliana, Mascalucia 2030, Presidio del Patto Partecipativo del Fiume Simeto , Associazione Stelle e Ambiente, Comitato Generazioni Future Catania, Studio TAT, Associazione ex allievi don Bosco “Periferie Vive” Salette-Catania, Catania Mobility Lab, Iniziativa Femminista, La Ragna-Tela, Plasticfree Catania , Fridays For Future Catania, Arché, Lions Club Catania Gioeni, Argo-Catania.

Il contributo del Comitato

Tra i progetti su cui da mesi si confrontano e discutono tanti soggetti associativi c’è proprio la realizzazione del Parco Monte Po-Vallone Acquicella per una “ricucitura verde”, assecondando il corso del fiume, dei quartieri di Monte Po, S. Giorgio, Fossa Creta, Librino, Nesima, Acquicella, San Cristoforo con il resto della città. “Nel Piano urbano iIntegrato questa idea è stata ampiamente ripresa”, proseguono le associazioni, “prevedendo alcune iniziative per il Parco di Librino, da decenni atteso dalla città, a cui sono stati destinati complessivamente 23,5 milioni di euro per la creazione di spazi sportivi e attrezzature, riqualificazione delle sezioni stradali, realizzazione di un parco urbano e ristrutturazione della scuola ‘Brancati’. Per il Parco Monte Po – Vallone Acquicella è stata presentata una ipotesi progettuale di parco urbano che realizzi una cerniera verde e di recupero e ripristino delle aree del fiume Acquicella per complessivi 15,2 milioni di euro; si tratta di interventi in linea con le proposte avanzate dal Comitato”.

Progetto a rischio

“Alle tante richieste comunali di incontro inoltrate, l’Amministrazione ha opposto un preoccupante silenzio”, aggiungono le associazioni, “aspetto ancor più critico se si considerano le conclamate carenze in termini di risorse umane tecnico-gestionali negli uffici preposti per espressa ammissione degli stessi vertici del Comune di Catania. La mancata attivazione di un’interlocuzione con le sigle proponenti rischia di inficiare, già a monte, la realizzazione del progetto e di non consentire all’Ente pubblico di avvalersi degli studi e dei rilievi sulle emergenze naturalistiche, etnoantropologiche, storiche e sui bisogni dei quartieri  già  avviati dalle associazioni  interessate. Occorre evitare in tutti i modi che il Pnrr si trasformi nell’ennesima occasione mancata”, concludono dal Comitato.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
326FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli