fbpx

Pnrr, 500 milioni per Palermo, Catania e Messina. Cgil e Sunia: ‘Si apra un tavolo’

Le tre Città metropolitane dell'isola "presentano il più alto indice di vulnerabilità dopo Napoli" sul piano della riqualificazione urbanistica. Il sindacato chiede un confronto con le istituzioni

Oltre 500 milioni di euro del Piano nazionale di ripresa e resilienza sono stati assegnati alle tre città metropolitane siciliane, che presentano il più alto indice di vulnerabilità dopo Napoli, per interventi di riqualificazione urbana delle periferie e delle zone più degradate. È stato infatti pubblicato il decreto attuativo relativo, che chiarisce i contenuti e il cronoprogramma per la predisposizione , l’attuazione e il finanziamento dei piani urbani integrati . Lo rendono noto la Cgil e il Sunia siciliani. Nel dettaglio: Palermo ha avuto assegnati 196.177.292 euro, Catania 185.486.966, Messina 132.152.814 Messina. Entro 120 giorni dalla pubblicazione del decreto le amministrazioni dovranno presentare un piano integrato in cui prevedere gli interventi da realizzare, anche con la compartecipazione di soggetti privati.

Leggi anche – Riqualificazione urbana, 400 milioni di euro per la Sicilia. I dubbi di Sunia e Cgil

Le richieste dei sindacati

“Adesso”, dicono Alfio Mannino, segretario generale della Cgil Sicilia e Giusy Milazzo, segretaria generale del Sunia, “non si deve perdere tempo è indispensabile aprire tavoli di confronto con i sindacati e i comitati, con le università, con le associazioni per individuare le aree e i quartieri su cui intervenire e per definire bisogni e interventi necessari”. Un piano che, per Cgil e Sunia, “dovrà delineare interventi all’interno di una visione organica e coordinata: spazi sociali, educativi, presidi sanitari, aree a verde, accesso alle tecnologie avanzate, ristrutturazione edifici pubblici e privati e altro ancora, in aree, e in quartieri ben definiti in modo tale da ottimizzare gli interventi ed ottenere il risultato di una rigenerazione che non è solo urbanistica ma anche sociale”.

Leggi anche – Pnrr, a Catania 185 milioni per il Piano urbano integrato. Sunia: “Tempi stretti”

Intervenire sul degrado

“Queste risorse pensiamo siano indispensabili”, osservano Mannino e Milazzo, “per intervenire sul degrado e sulla marginalità di molti quartieri delle nostre città densamente popolati ma privi dei servizi e dei presidi sociali indispensabili”. Per Cgil e Sunia “l’obiettivo potrà essere raggiunto se ci sarà la capacità e la volontà di coinvolgere gli attori sociali e sindacali a partire da quei quartieri in cui grazie all’iniziativa di comitati e associazioni degli abitanti è già in atto da tempo un lavoro di proposta e di azione proprio in tema di rigenerazione”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
329FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli