fbpx

Pnrr, Anci Sicilia approva decreto legge di attuazione: ‘Evita ritardi e burocrazia’

Anci Sicilia ha espresso le sue valutazioni sul Pnrr durante un'audizione davanti alla Commissione parlamentare attività Ue presieduta da Luigi Sunseri. Le richieste dei sindaci

Evitare “inutili ritardi nella realizzazione delle opere già cantierate“, ma anche “la duplicazione di farraginose e complesse procedure burocratiche legate alle fasi di attuazione dei progetti e alla loro rendicontazione”: sono questi, secondo Anci Sicilia, gli obiettivi del Decreto Legge sul Pnrr appena pubblicato in Gazzetta ufficiale. L’associazione dei Comuni siciliani ha espresso le sue valutazioni durante un’audizione davanti alla Commissione parlamentare attività Ue presieduta da Luigi Sunseri. All’incontro erano presenti anche il vice presidente Luca Sammartino e il Direttore del dipartimento della programmazione, Vincenzo Falgares.  

Pnrr, le richieste di Anci Sicilia

“Esprimiamo soddisfazione per la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto Legge 2 marzo 2024, numero 19, contenente “Ulteriori disposizioni urgenti per l’attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr)”, hanno detto Paolo Amenta e Mario Emanuele Alvano, rispettivamente presidente e segretario dell’associazione. “Un decreto più volte sollecitato da Anci, che riprogramma diverse misure di cui sono soggetti attuatori Comuni e Città Metropolitane (per un valore di circa 10 miliardi) spostandole dal Pnrr su altre fonti di finanziamento statali e scongiurando il blocco di cantieri già avviati dagli Enti Locali italiani. Abbiamo avuto rassicurazione che lo spostamento delle risorse del Pnrr su altri fondi non comprometterà i 6,8 miliardi di euro del Fondo Sviluppo e Coesione destinati alla Regione Siciliana”.

“Strumenti di programmazione fragili”

“Abbiamo inoltre richiamato l’attenzione sulla necessità di destinare congrue risorse sull’impiantistica di prossimità nel settore dei rifiuti e sulle infrastrutture del sistema idrico integrato”, proseguono Amenta e Alvano. “Ma anche di potenziare le risorse territorializzate per le 29 coalizioni e quelle da impegnare nel rafforzamento amministrativo e di avviare azioni concrete di contenimento dei costi dell’energia elettrica. Abbiano sottolineato la necessità di porre la dovuta attenzione sulla fragilità degli attuali strumenti di programmazione e attuazione con riferimento alle azioni di competenza di Srr, Ati e distretti socio-sanitari”.

“Rispettare le scadenze del Pnrr”

“I comuni”, conclude Amenta, “pur vivendo un momento di difficoltà e malgrado la carenza di personale, hanno dimostrato di essere in grado di individuare le necessità dei propri territori e di rispettare le scadenze imposte dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Questo processo deve riguardare con identica forza anche quelle azioni che i comuni gestiscono in forma associata”. 

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli