fbpx

Pnrr: oltre 50 miliardi da spendere bene e subito. Via al confronto – controllo

La modalità di confronto dovrà essere volta a far sì che le amministrazioni titolari degli interventi riferiscano con regolarità sulla attuazione degli stessi, sulle riforme settoriali e sui progetti d'investimento, sulle ricadute economiche e sociali, sulle filiere produttive e industriali

La sua attività parte oggi e sarà valida fino alla fine del 2026. Stiamo parlando del Tavolo regionale territoriale e di settore annunciato dalla Regione e composto dalla Regione stessa, sindacati e Comuni siciliani. Insieme hanno siglato un “Protocollo per la partecipazione e il confronto nell’ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza e del Piano nazionale per gli investimenti complementari” che tradotto significa che è stato istituito un gruppo che dovrà confrontarsi con le varie amministrazioni al fine di spendere bene e subito sia i soldi del Pnrr che degli altri capitoli come Fondi strutturali e di investimento europei e dal Fondo per lo sviluppo e la coesione. Uno “strumento” voluto dallo stesso Pnrr che al fine di garantire la piena tutela dell’interesse generale, prevede espressamente la partecipazione degli attori economici e sociali a livello nazionale, regionale, locale.

Confronto e controllo

“La modalità di confronto dovrà essere volta a far sì che le amministrazioni titolari degli interventi riferiscano con regolarità sulla attuazione degli stessi, sulle riforme settoriali e sui progetti d’investimento, sulle ricadute economiche e sociali, sulle filiere produttive e industriali e riguarderà, in modo preventivo, i profili che hanno una ricaduta diretta o indiretta sulle condizioni di lavoro e sull’occupazione, fermo rimanendo il rispetto delle scadenze già previste dal Piano nazionale di ripresa e resilienza stesso per il raggiungimento degli obiettivi”, si legge sul documento. Parole d’ordine dunque: confronto e controllo.

Leggi anche – Pnrr, siglato protocollo tra la Regione siciliana e le parti sociali

I settori chiave

“Particolare attenzione”, si legge inoltre , va data, da una parte al “monitoraggio del conseguimento delle priorità trasversali (transizione digitale, transizione ecologica, occupazione giovanile e femminile, Sud e coesione territoriale, inclusione sociale con specifico riferimento alle persone fragili, con disabilità e non autosufficienti)” dall’altra “all’utilizzo delle risorse”. Non mancano anche le “politiche necessarie per assicurare processi di riconversione (come automotive, energie rinnovabili, siderurgia, economia circolare, digitalizzazione e sistemi di reti di telecomunicazioni Pubblica amministrazione) con particolare riferimento alle politiche industriali; agli aspetti che hanno ricaduta diretta o indiretta sul lavoro, concessi in particolare alle riforme previste dal Piano nazionale di ripresa e resilienza”.

Leggi anche – Pnrr, “al Sud 10 mila progetti per 16,6 miliardi”. I dati di Confartigianato Sicilia

Soddisfatti i sindacati

Positivo il giudizio di Cgil, Cisl e Uil siciliane “perché si riconosce formalmente il contributo che forze sociali e istituzioni locali possono dare al conseguimento degli obiettivi di crescita”, sostengono Alfio Manino, Sebastiano Cappuccio e Luisella Lionti, segretari generali di Cgil Cisl e Uil siciliane. “Il dialogo sociale genera sempre fiducia, speranza, partecipazione” dicono i tre che non mancano di sottolineare quanto ancora ci sia da fare. “Tra Pnrr e vari fondi europei la montagna di risorse cui la Regione potrà attingere ammonta a qualcosa come 50-55 miliardi. Abbiamo davanti l’opportunità irripetibile di un grande rilancio, grazie al Pnrr, ai fondi strutturali, al ReactEu, al fondo di sviluppo e coesione e alla riprogrammazione dei fondi 2021-2027. E queste risorse, se bene indirizzate attraverso politiche coordinate e inclusive, possono cambiare il volto della Sicilia”. “Lavoratori, giovani, donne, pensionati, lotta alle disuguaglianze sociali. Queste sono le direttrici che vogliamo al centro delle politiche di transizione digitale ed ecologica e di riconversione produttiva che dovranno impegnare l’Isola da qui al 2026, anno in cui scadranno sia il Pnrr che il tavolo che ha visto la luce oggi”.

- Pubblicità -
Desirée Miranda
Desirée Miranda
Palermitana di nascita ma catanese d’adozione e di fatto. Laurea in Scienze per la comunicazione internazionale (UniCt). Mi piace raccontare la città e la Sicilia ed è anche per questo che ho scelto di fare la giornalista. In quasi 15 anni di attività ho scritto per la carta stampata, il web e la radio occupandomi per lo più di economia e lavoro. Dal 2020 sono alla guida di FocuSicilia continuando a fare il mestiere più bello del mondo

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli