fbpx

Polo industriale di Siracusa, report sulla sostenibilità: “È strategico per il Paese”

Le imprese del Distretto, guidate da Confindustria, hanno incontrato gli esponenti del governo nazionale e regionale, per fare il punto sul sito, "di rilevanza nazionale"

Approvvigionamento energetico nazionale, sostenibilità, transizione energetica: ne hanno parlato esponenti del Governo nazionale e di Confindustria Siracusa, in occasione della presentazione del  secondo Rapporto di Sostenibilità del Polo Industriale siracusano, tra i più importanti d’Europa. Presenti le imprese del distretto Eni Versalis, Eni Rewind, Sonatrach, Lukoil, Eni, Sasol, Erg, Sol, Priolo Servizi, IAS. A intervenire il Sottosegretario di Stato alla transizione ecologica, Vannia Gava, il Presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, Aurelio Regina, Delegato del Presidente di Confindustria per l’Energia, Claudio Spinaci Presidente di Unem, Elisa Orlandi Direttore Responsabile di RiEnergia, Alessandro Albanese Presidente di Confindustria Sicilia, Diego Bivona Presidente di Confindustria Siracusa e Sergio Corso, vicepresidente di Confindustria Siracusa, coordinatore del gruppo di lavoro Sostenibilità.

Leggi anche – Petrolchimico di Siracusa, altri tre Comuni nell’area di crisi complessa

“Governo trovi soluzioni”

A partecipare all’incontro, nella Sala “Giovanni Paolo ll” al Santuario della Madonna delle Lacrime di Siracusa, anche le piccole e medie imprese di Confindustria Siracusa, che per la prima volta hanno partecipato alla stesura del Rapporto. Il tema, ha ribadito il sottosegretario Gava nel corso del suo messaggio, è di rilevanza strategica nazionale: “Non possiamo sottrarci al grido di allarme di questo settore. Sarò lieta di avviare un dialogo con il polo industriale siracusano che durante la fase acuta della pandemia ha garantito continuità degli approvvigionamenti e stabilità del lavoro. È indispensabile che il governo trovi soluzioni insieme agli imprenditori che sono la parte trainante del nostro Paese”.

Leggi anche – Petrolchimico a Siracusa, Regione e parti sociali chiedono stato di crisi

“Sicilia regione verde”

A intervenire anche il Presidente di Confindustria Sicilia, Diego Bivona: “Questo distretto è strategico per il nostro Paese perché è al centro della catena di fornitura energetica nazionale per il know–how tecnologico e l’enorme valore del capitale umano, per il posizionamento strategico al centro del Mediterraneo, insostituibile ponte con i paesi dell’area Mena (Middle East, North Africa) a cui sempre di più dovremo guardare in una logica centrata sul Mediterraneo. Serve una visione comune ed un’ assunzione di responsabilità conseguente e congiunta di governo nazionale, di governo regionale, forze produttive e parti sociali in cui ciascuno svolge la sua parte”. Netto anche l’intervento del Presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci: “Roma deve sapere che ho detto al Ministro Cingolani che vogliamo essere la prima Regione verde d’Italia”.

- Pubblicità -
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

18,249FansMi piace
313FollowerSegui
262FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli