fbpx

Ponte sullo Stretto, aeroporti e mobilità veloce. Cambia la ferrovia in Sicilia

"Definire insieme una nuova offerta dei servizi di trasporto ferroviario che sia adeguata a rispondere alla domanda di maggiore afflusso turistico e di una mobilità più veloce e integrata, connettendo fra loro gli aeroporti e anche aumentando le frequenze". parola di Dario Lo Bosco, presidente di Rfi e coordinatore del Polo infrastrutture del gruppo Fs

“Definire insieme una nuova offerta dei servizi di trasporto ferroviario che sia adeguata a rispondere alla domanda di maggiore afflusso turistico e di una mobilità più veloce e integrata, connettendo fra loro gli aeroporti e anche aumentando le frequenze. Con il commissario della Camera di commercio di Trapani, Giuseppe Pace, e con il presidente dell’Airgest, Salvatore Ombra, abbiamo convenuto oggi di organizzare ai primi di gennaio un incontro a Roma con l’A.d. del gruppo Fs, Luigi Ferraris, e con l’A.d. di Rfi, Gianpiero Strisciuglio, d’intesa col governatore Renato Schifani e con l’assessore regionale alle Infrastrutture, Alessandro Aricò”. Lo ha annunciato Dario Lo Bosco, presidente di Rfi e coordinatore del Polo infrastrutture del gruppo Fs, intervenendo presso la Camera di commercio di Trapani alla sessione conclusiva del progetto “Aspettando il solstizio d’inverno”, promosso dalla CamCom e dalla Logos per dare corpo alla candidatura della provincia di Trapani al riconoscimento Unesco.

I progetti per la nuova ferrovia in Sicilia

“Abbiamo in corso cantieri in tutta Italia per 44 miliardi di euro – ha detto Lo Bosco – di cui 17,4 miliardi in Sicilia. Nell’Isola non si era mai vista una cosa simile. Stiamo intervenendo sulla Palermo-Catania-Messina portando la velocità massima a 250 km/h in alcuni tratti, ma in funzione del Ponte sullo Stretto stiamo già progettando la revisione dell’intera linea per ottenere questa velocità sull’intero percorso. E stiamo ridefinendo l’intera rete regionale. Stiamo elettrificando con 130 milioni la tratta Palermo-Trapani via Milo e proprio ieri la Conferenza dei servizi ha approvato il progetto da 48 milioni per la stazione a Birgi e per collegare l’aeroporto alla rete ferroviaria, compresa la variante per arrivare direttamente a Punta Raisi. Ma anche in questo caso stiamo implementando il progetto per ridurre il tempo di percorrenza fra i due scali entro massimo un’ora”.

Leggi anche – Ferrovia Catania-Palermo, via ai lavori del nuovo tracciato da 47 chilometri

Trasformare le stazioni in hub di servizi per i passeggeri

Lo Bosco ha annunciato altri interventi: “Sottoscriveremo a breve protocolli con Pino Pace in qualità di presidente di Unioncamere Sicilia e con il presidente di Federfarma Palermo, Roberto Tobia, per trasformare le stazioni in hub di servizi per i passeggeri, dall’offerta di prodotti enogastronomici e dell’artigianato a quella di prodotti per la salute e il benessere, prevedendo anche palestre a disposizione dei giovani, anche quelli che arrivano per l’Erasmus. Abbiamo concordato con Giovanni Tesoriere, preside di Ingegneria della Kore di Enna, di trasformare la vecchia stazione ennese in un centro di ricerca che attirerà giovani talenti anche all’estero. E ho deliberato la costituzione di una ‘Academy’ che sarà coordinata da mons. Antonio Staglianò, vescovo emerito di Noto e presidente della Pontificia accademia di Teologia”.

Leggi anche – Ferrovia Caltagirone-Niscemi, 66 milioni di euro per il ripristino

Connessione con gli aeroporti

Da parte sua, il presidente dell’Airgest, Salvatore Ombra, apprezzando le iniziative assunte da Lo Bosco per il territorio, ha annunciato: “Nel 2024 puntiamo a consolidare il traffico passeggeri, che nel 2023 sono stati 1,3 milioni, e anche di superare 1,5 milioni. In proposito abbiamo in corso trattative con varie compagnie aeree. Ben vengano le nuove connessioni per favorire la mobilità di chi arriva, connessioni che creeranno di fatto una sinergia fra Birgi e Punta Raisi anche per una migliore organizzazione dell’offerta: sarà come disporre di tre piste insieme”. Infine, Pino Pace, commissario della Camera di commercio di Trapani, ha salutato la costruzione del Ponte sullo Stretto di Messina: “Sarà la cerniera fra la rete rivisitata del trasporto ferroviario regionale e il resto dell’Europa. Nuova rete e Ponte consentiranno finalmente anche ai treni commerciali veloci lunghi di viaggiare in Sicilia, e di ciò si avvantaggeranno le imprese che devono esportare primaticci e prodotti di dimensioni eccezionali che finora hanno potuto spedire solo via nave con aggravio di tempi e costi di trasporto”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli