fbpx

Ponte sullo Stretto “cantierabile in pochi mesi”. Falcone incontra Webuild

Una norma nazionale definanzia l'opera. Ma l'assessore alle Infrastrutture della Regione siciliana ci crede ancora, e incontra l'azienda che ha acquisito i progetti. "Spesa da 2,9 miliardi, inferiore ai costi attuali"

Partire dal progetto già pronto del Ponte sullo Stretto di Messina, cantierabile in alcuni mesi, mettendo in campo un’infrastruttura sostenibile e strategica per la ripresa economica e occupazionale del Sud Italia: è quanto ribadito in una videoconferenza stamani tra l’assessore alle Infrastrutture della Regione Siciliana, Marco Falcone, l’assessore alle Infrastrutture della Regione Calabria, Mimma Catalfamo e Webuild, il gruppo che ha acquisito il progetto di Eurolink, approvato nel 2003 e poi accantonato, per il collegamento sullo Stretto.

Leggi anche – Post-Covid, fondi Ue, crisi Sud: gli industriali di Siracusa chiedono il ponte

“Revocare liquidazione di Stretto di Messina spa”

 “Abbiamo voluto questo incontro – ha affermato Falcone – perché vogliamo presentarci a Roma e a Bruxelles con le idee chiare, dai dettagli del progetto fino alle esigenze per la conclusione dell’iter di autorizzazione per l’avvio delle attività. L’analisi tecnica che abbiamo condotto dimostra, ancora una volta, che la chiave per il Ponte è la volontà politica del Governo nazionale. Esiste infatti un percorso procedurale già avviato e poi sospeso che, oggi, può essere riattivato in tempi celeri per evitare di partire da zero. Il primo passaggio dovrebbe essere l’abrogazione della norma che definanzia l’opera, accompagnata dalla nomina di un Commissario straordinario. A seguire – aggiunge Falcone – andrebbe revocata la liquidazione della società Stretto di Messina spa. Ci sono anche i tempi  per non perdere l’occasione del Recovery plan, come auspicato dal Governo Musumeci”.

Leggi anche – Gli industriali vogliono il ponte: “Vale centomila posti l’anno”

Spesa da 2,9 miliardi “inferiore ai costi attuali”

 I tecnici del gruppo Webuild hanno ribadito la piena sostenibilità dell’opera e presentato le peculiarità tecnico-progettuali che fanno del Ponte un’infrastruttura all’avanguardia sotto tutti i punti di vista. “In sei-sette mesi – sottolinea l’azienda – possono compiersi tutte le azioni necessarie per cantierare l’opera. Il solo Ponte vale circa 2,9 miliardi, cifra inferiore a tutti i costi che sopportano le Regioni e l’Italia nel non realizzare questa infrastruttura così strategica”. La Sicilia, aggiunge Falcone “demograficamente e non solo è paragonabile a nazioni come la Danimarca che hanno realizzato ponti e infrastrutture di portata analoga al Ponte, senza cadere in argomenti retrogradi e poco rispettosi di aspirazioni ed esigenze del nostro territorio. Confidiamo, come già ribadito dal presidente Nello Musumeci, nella sensibilità e nella capacità di visione del presidente Mario Draghi”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli