fbpx

Porto di Augusta, piano da 200 milioni per “cambiare volto”. Allarme burocrazia

Nuove banchine, piazzali più grandi, pannelli fotovoltaici. Sono solo alcuni degli interventi previsti per lo scalo siracusano dal Piano operativo triennale 2022-2024 dell'Autorità di sistema portuale. Per Assoporto si tratta di una svolta, ma occorre evitare ritardi

Il porto di Augusta potrebbe cambiare volto. A disposizione 200 milioni di euro di investimenti previsti dal Piano operativo triennale 2022-2024 dell’Autorità di sistema portuale della Sicilia orientale. “Per non sprecare l’occasione bisogna evitare che la burocrazia tenga fermi i lavori, come avvenuto in diverse occasioni negli anni passati”, dice a FocuSicilia Marina Noè, imprenditrice nel settore della cantieristica navale e presidente di Assoporto Augusta, associazione che riunisce oltre venti aziende che lavorano nello scalo siracusano. Complessivamente, l’ente che gestisce i porti di Catania e Augusta ha stanziato circa 400 milioni di euro, “ma bisognerà aggiungere delle risorse per il porto di Pozzallo, che rientra nel controllo dell’Autorità”. I lavori sono già iniziati. “Se tutto andrà bene, il porto avrà potenzialità enormi”, dice Noè.

Leggi anche – Varato il Piano operativo triennale per i porti di Catania e Augusta

Cosa prevede il Piano

Tra le opere inserite nel piano triennale, spiega Noè, “la riqualificazione della diga foranea, la costruzione di nuove banchine e la realizzazione di oltre 120 mila metri quadrati di nuovi piazzali”. Il programma prevede anche interventi per migliorare la sostenibilità, prosegue la presidente di Assoporto Augusta, “come l’installazione di pannelli fotovoltaici all’interno dell’area”. Nel piano anche “diversi interventi di manutenzione”, particolarmente importanti per un porto “a forte vocazione commerciale”, da cui transitano gran parte dei prodotti petrolchimici utilizzati in Italia. Se realizzati nei tempi previsti, sostiene la manager, questi lavori potrebbero rappresentare una svolta per il porto siracusano. “Parliamo di opere fondamentali per trasformare l’infrastruttura e proiettarla nel futuro, come auspicano tutte le imprese che vi lavorano”.

Leggi anche – Augusta, accordo per costruire il terzo ponte di collegamento con l’Isola

Sinergia tra le Istituzioni

Tra i cantieri finanziati di recente, anche quello per il “terzo ponte”, un’opera da 21 milioni di euro finanziati attraverso il Pnrr. “Il ponte servirà a decongestionare il traffico in entrata e in uscita dal porto, utilizzato anche dalla Marina Militare”, spiega Noè. L’inclusione dell’opera nel Piano nazionale di ripresa e resilienza, sottolinea la manager, è un fatto positivo. “Si dimostra che quando le Istituzioni collaborano tra loro, a tutti i livelli, è possibile portare a casa dei risultati concreti”. Anche per quanto riguarda la governance dei porti il giudizio è buono. “La volontà politica del presidente Di Sarcina è di valorizzare le caratteristiche di ciascuna infrastruttura: diporto e croceristica a Catania, commercio ad Augusta, scambio con l’africa a Pozzallo”. Una strategia che per la presidente sta premiando, ma che deve fare i conti con una burocrazia a tratti asfissiante.

Leggi anche – Obiettivo infrastrutture per potenziare i porti di Augusta e Catania

Il rapporto con la Regione

Negli ultimi anni, infatti, la realizzazione di alcune opere è stata ritardata da ricorsi e problemi interpretativi, spesso sollevati dalle aziende che sorgevano nei luoghi indicati dai progetti. “Speriamo che per il futuro si possa andare più velocemente, realizzando le opere senza perdere i finanziamenti”. Fondamentale, in questo senso, il rapporto tra gli enti coinvolti. “Il presidente Di Sarcina saprà confrontarsi con la nuova giunta regionale, cercando di capire quanta importanza il nuovo governo vorrà dare a una risorsa fondamentale come il mare”, dice Noè. Segnali positivi arrivano anche dal governo nazionale, “dal quale ci aspettiamo molto”, ma il fulcro è che il sistema portuale sia compatto. “Per anni le autorità portuali si sono fatte la guerra tra loro. Oggi serve lavorare tutti insieme per portare a casa risultati concreti”, conclude la manager.

- Pubblicità -
Valerio Musumeci
Valerio Musumeci
Valerio Musumeci (Catania, 1992), è giornalista pubblicista e scrittore. Nel 2015 ha esordito con il pamphlet storico-politico "Cornutissima semmai. Controcanto della Sicilia buttanissima", Circolo Poudhron, con prefazione della scrittrice Vania Lucia Gaito, inserito nella bibliografia del laboratorio “Paesaggi delle mafie” dell'Università degli Studi di Catania. Nel 2017, per lo stesso editore, ha curato un saggio sul berlusconismo all'interno del volume "L'Italia tradita. Storia del Belpaese dal miracolo al declino", con prefazione dell'economista Nino Galloni. Nel 2021 ha pubblicato il suo primo romanzo, "Agata rubata", Bonfirraro Editore.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,945FansMi piace
511FollowerSegui
341FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli