fbpx

“Povera” ristorazione: mancheranno diecimila tra camerieri e cuochi

Un quinto delle 100 mila assunzioni tra aprile e giugno riguarda la ristorazione: occorrono 21 mila addetti e per metà saranno introvabili. Il rapporto Excelsior-Unioncamere e i percorsi formativi più richiesti: per 35 mila figure non serve alcun titolo di studio

Quasi 100 mila nuove assunzioni previste in Sicilia in tre mesi, da aprile a giugno, e più di un quinto riguarda bar, ristoranti, locali e alberghi, dove dovrebbero trovare posto, secondo i dati Excelsior-Unioncamere, oltre 21 mila lavoratori. Quello degli “esercenti e addetti nelle attività di ristorazione” è infatti il settore che più di qualsiasi altro si appresta ad accogliere i nuovi assunti in Sicilia. Le figure professionali maggiormente ricercate sul mercato sono il cameriere di sala (quasi 11 mila posti), il banconiere di bar (oltre 3.300 posti) e il cameriere di bar (con quasi 1.600 posti a disposizione). A seguire aiuti cuoco, cuochi, pizzaioli e baristi, ma anche figure più specifiche come i banconieri per le ristorazioni mobili o i camerieri addetti alle colazioni.

Fonte: Excelsior di Unioncamere e Anpal

Leggi anche – Catania: è rosa un’impresa su quattro, preferiti turismo e ristorazione

Cercansi candidati: ma saranno pochi o inadeguati

Il personale, secondo le previsioni, sarà maggiormente richiesto nelle province di Messina, Palermo, Trapani e Catania e le aziende tenderanno a privilegiare chi ha già esperienza nel settore (51 per cento) o nella specifica professione (31 per cento). A dispetto di quanto comunemente si ritenga, infatti, e cioè che bar e ristoranti attirino specialmente i più giovani che si approcciano alla loro prima esperienza lavorativa, magari estiva o di transizione verso altre opportunità, lo studio sottolinea come nel 28 per cento dei casi il candidato preferito rientra invece nella fascia di età tra i 30 e i 44 anni. Nel 50 per cento dei casi si prevede che questo personale sarà difficile da reperire, a causa del ridotto numero di candidati o perché chi si propone sarà considerato inadeguato. Tradotto in cifre, equivale a oltre diecimila lavoratori che potrebbero mancare, proprio nei mesi decisivi di avvio della stagione turistica.

Fonte: Excelsior di Unioncamere e Anpal

Leggi anche – Ristorazione ‘malata’: il 50 per cento delle attività chiude in un anno

Quasi sempre è gradita una formazione specifica

Tutti i dati sono disponibili con cadenza mensile e vengono elaborati in accordo con l’Agenzia nazionale per le Politiche attive del Lavoro (Anpal). Dall’ultima rilevazione emerge inoltre che nel comparto delle professioni legate all’attività di ristorazione, su quattro candidati, a due potrebbe essere richiesto un livello di istruzione superiore, come il diploma di un istituto alberghiero, a uno una qualifica di formazione o un diploma professionale (come i corsi regionali) e solo uno di loro potrebbe essere assunto anche senza avere alcun titolo di studio. Altro che settore accessibile a tutti, come molti potrebbero pensare: un percorso formativo in “turismo, enogastronomia e ospitalità” nel proprio curriculum rappresenta piuttosto una carta ideale da giocare per essere assunti nella ristorazione.

Leggi anche – Estate in Alto Adige per ottanta studenti siciliani della ristorazione

In Sicilia 35 mila posti dove non serve alcun titolo

L’istruzione non è sempre e comunque la chiave di accesso al lavoro. Con un titolo di studio in “amministrazione, finanza e marketing”, “insegnamento e formazione”, in materia economica o nel settore socio-sanitario, ci sono alcune migliaia di posti disponibili tra le 99.920 assunzioni previste in Sicilia nel trimestre e in tutti i settori. Ma se guardiamo alla parte più cospicua della richiesta, cioè quasi 35 mila figure occorrenti, emerge un dato eclatante: non si ha bisogno di alcun titolo di studio. Un siciliano su tre che ambisce a un posto di lavoro nella platea dei quasi centomila non deve avere alcun tipo di formazione. Si tratta, infatti, di figure meno qualificate ma estremamente richieste: in cima l’addetto alle pulizie, al secondo posto il muratore. Poi questo nastro fatto di dati e opportunità si riavvolge e il terzo in classifica è il nostro ricercatissimo cameriere di sala. Ancora una volta, la ristorazione.

Fonte: Excelsior di Unioncamere e Anpal
- Pubblicità -
Agostino Laudani
Agostino Laudani
Giornalista professionista, nato a Milano ma siciliano da sempre, ho una laurea in Scienze della comunicazione e sono specializzato in infografica. Sono stato redattore in un quotidiano economico regionale e ho curato la comunicazione di aziende, enti pubblici e gruppi parlamentari. Scegliere con accuratezza, prima di scrivere, dovrebbe essere la sfida di ogni buon giornalista.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli