fbpx

Prezzi delle mascherine, Federfarma Palermo: “Immorale lucrare sulle FFP2”

Il protocollo firmato dal commissario Figliuolo con le farmacie prevede che i dispositivi siano venduti a 75 centesimi. Il commento dell'associazione: categoria al servizio della collettività

A seguito del protocollo firmato con il commissario Francesco Paolo Figliuolo e delle successive interlocuzioni per le vie brevi, Federfarma nazionale ha comunicato oggi a tutte le farmacie aderenti all’iniziativa che il prezzo calmierato massimo di 75 centesimi è riferito alle mascherine Ffp2 corrispondenti alle caratteristiche “standard” stabilite dal protocollo e che mascherine di colore, foggia o caratteristiche estetiche particolari potranno essere vendute solo se in farmacia sia presente per la vendita al pubblico anche un’ampia disponibilità di mascherine Ffp2 “standard” al prezzo massimo di 75 centesimi.

Leggi anche – Covid, nuove regole per green pass e quarantene. Le decisioni del governo

Immorale lucrare sulle mascherine

“Le mascherine Ffp2 si vendono ovunque e a volte senza i necessari quanto opportuni controlli di qualità e sicurezza”, dice Roberto Tobia, segretario nazionale e presidente a Palermo di Federfarma, “Le farmacie che stanno aderendo all’accordo hanno accolto l’invito del governo nazionale a praticare un prezzo calmierato fino a un massimo di 75 centesimi pur non avendo in tante il potere d’acquisto della grande distribuzione organizzata, con l’obiettivo di offrire ai cittadini un dispositivo medico assolutamente sicuro e indispensabile in questo particolare momento pandemico e, in alcuni casi, obbligatorio per lo svolgimento delle attività sociali e lavorative. I margini di questa attività sono sicuramente risibili e non comportano benefici evidenti per le farmacie, che continuano a erogare il servizio nell’interesse della collettività. La fornitura di mascherine e presidi di sicurezza è un dovere: lucrare su questi articoli sarebbe immorale e contrario ai principi della professione del farmacista sui quali abbiamo prestato giuramento”.

Leggi anche – Sicilia, “aumento esponenziale” dei contagi ma meno ricoveri di un anno fa

I numeri dei vaccini in farmacia

Roberto Tobia aggiunge: “In occasione dell’emergenza pandemica le farmacie italiane si sono messe volontariamente a disposizione del Servizio sanitario nazionale consapevoli del loro ruolo di primo presidio sanitario di prossimità. La farmacia però è anche un’impresa privata che ha bisogno di sostenibilità economica per erogare efficacemente un servizio sociale e contribuire agli sforzi collettivi del Paese contro la diffusione del Covid. A riprova di ciò, nella sola Palermo la scorsa settimana sono stati vaccinati in farmacia 4.790 cittadini, ben 35.710 dallo scorso tre settembre”. “Tutto il personale”, conclude Tobia, “è impegnato ogni giorno ben oltre il normale orario di lavoro per garantire ai propri pazienti l’erogazione di servizi aggiuntivi come vaccinazioni e tamponi, per i quali le farmacie sostengono evidenti costi di gestione relativi, ad esempio, alla sanificazione dei locali, ai Dispositivi di protezione individuale, ai guanti, ai materiali di consumo: tutto ciò al fine di erogare un servizio, oggi primario, con la garanzia della sicurezza dei cittadini e del nostro personale sanitario”. 

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli