fbpx

Proroga dei precari Covid, Cisl Catania: Asp chiarisca. Annunciate azioni legali

Il sindacato etneo contesta all'Azienda sanitaria provinciale di aver escluso dalla proroga psicologi e informatici, e chiede un formale incontro con i vertici per chiarire la situazione

“L’Asp chiarisca in un apposito confronto sia il “dispositivo” della Delibera n. 277 del 01.03.2023 sia le fonti legislative su cui ha deciso di escludere dalla proroga e dal processo di stabilizzazione precari Covid che hanno svolto un lavoro prezioso come gli psicologi e i tecnici informatici. Nel frattempo, abbiamo incaricato i nostri legali ad avviare ogni utile procedura che tuteli i lavoratori e faccia prevalere i diritti acquisiti durante gli oltre 24 mesi di lavoro svolto nella lotta alla pandemia”. La Cisl di Catania, con le sue federazioni della Cisl Medici e della Cisl Funzione Pubblica, e i rispettivi segretari generali Maurizio Attanasio, Massimo De Natale e Danilo Sottile, contesta la decisione dell’Azienda Provinciale Sanitaria di aver escluso dalla proroga dei precari Covid psicologi e informatici e ha chiesto un formale incontro con i vertici dell’Asp etnea. Si tratta di figure professionali e tecnico-sanitarie che prestano il loro servizio da dicembre 2020, contrattualizzati dall’ASP (se così si possono definire i rapporti di lavoro libero professionale) e utilizzati in presidi ospedalieri di Catania e provincia, negli hub vaccinali e in altre strutture pubbliche del SSN.

Professionisti “dimenticati”

“In questi giorni”, ricordano, “l’Asp di Catania con Delibera numero 277 del 01.03.2023, in applicazione della direttiva regionale del 28.02.2023, ha prorogato per ulteriori 15 giorni gli incarichi dei soggetti utilizzati dalla piena pandemia ad oggi, in possesso dei requisiti previsti dalla Legge numero 14/2023, interessati, successivamente, alla stabilizzazione; cancellando, però, dagli elenchi storici ben 16 psicologhe, assieme ad altre figure professionali, ‘dimenticando’, che insieme alla prima citata recente direttiva sussiste una ‘pila’ di normative in materia attualmente vigente che chiarisce un percorso ‘inclusivo’ e parallelo e non, al contrario, che esclude e lede il diritto acquisito alla stabilizzazione”.

Il dettaglio della normativa

“È opportuno richiamare l’attenzione sulla normativa”, sottolineano i tre segretari sindacali, “chiediamo all’Asp come mai non siano stati tenuti in considerazione sia la Legge numero 145/2018 (articolo 1 comma 547 e 548) che della Legge numero 77/ 2020 (articolo 3) dove viene reso esplicito che è consentita la partecipazione ai concorsi e, quindi al processo di stabilizzazione, del personale ‘in formazione specialistica iscritti all’ultimo anno del relativo corso sono ammessi alle procedure concorsuali per l’accesso alla dirigenza del ruolo sanitario nella specifica disciplina bandita e collocati, all’esito positivo delle medesime procedure, in graduatoria separata’ e al comma successivo ‘l’eventuale assunzione a tempo indeterminato del personale sanitario, di cui al comma precedente, risultati idonei e utilmente collocati nelle graduatorie e utilmente collocati nelle relative graduatorie, è subordinata al conseguimento del titolo di specializzazione e all’esaurimento della graduatoria del personale già specializzato alla data di scadenza del bando'”.

Le richieste all’Azienda sanitaria

Singolare la vicenda dei 16 psicologi. “Sono stati in prima linea per l’emergenza Covid”, spiegano i dirigenti sindacali della Cisl, “hanno permesso che i pazienti gravi, posti in isolamento, potessero avere un supporto psicologico, in qualche caso, prima di morire per Covid, sono stati il legame dignitoso tra paziente e familiare, ma adesso l’Asp di Catania li butta via come le ‘cose’ che non servono più. Ma per chi come noi conosce la legislazione e si è battuto per averla, si chiede: perché? Qual è la motivazione? Chi ha deciso che la legge non debba venire rispettata e perché? E oggi, lo chiediamo ufficialmente all’ASP di Catania e alla Regione. Un ‘rapporto di lavoro’ che via via si è assottigliato”, concludono Attanasio, De Natale e Sottile, “con una drastica riduzione delle ore (ultimo rapporto prevede 6 ore settimanali) quasi a oltraggiare la funzione professionale e il forte bisogno sociale di supporto psicologico post pandemico e ospedaliero, previsto persino nella riforma della Medicina del territorio (Misura 6) e in quella dei Servizi sociali (Misura 5), dal PNRR”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli