fbpx

Regali di Natale, in Sicilia si spende di più del 2022. I dati Confcommercio

Per i regali di Natale in Sicilia si spenderà mediamente 162 euro procapite, 140 euro più che nel 2022. Il dato emerge dall’indagine di Confcommercio-Format sui consumi del periodo festivo

In Sicilia aumenta la quota dei consumatori che sta facendo i regali di Natale: il 70,2 per cento contro il 67 per cento del 2022. Il dato emerge dall’indagine di Confcommercio-Format sui consumi del periodo festivo. La lista delle preferenze vede in cima i prodotti enogastronomici che, per quanto riguarda l’isola, risultano essere pari al 70,5 per cento, in crescita di 2,9 punti percentuali rispetto al 2022. Subito dopo i giocattoli che dal 48 per cento del 2022 sono passati al 49,9 per cento di quest’anno.

Gli altri beni più acquistati

Sul podio anche i prodotti per la cura della persona che, tendenzialmente, hanno fatto registrare la crescita più consistente visto che si è passati dal 42 per cento del 2022 al 48,7 del 2023. Seguono a ruota i capi di abbigliamento (dal 47 al 48, 5 per cento), libri ed ebook (dal 43 al 48 per cento) e le carte regalo (dal 39 al 45 per cento). Molto più distaccati i trattamenti di bellezza (dal 24 al 30 per cento), i giochi elettronici (dal 21 al 25 per cento) e gli abbonamenti streaming (dal 22 al 24 per cento). Resistono computer e accessori per pc (dal 18 al 19 per cento) mentre fanno registrare una impennata i gioielli (dal 12 al 18 per cento). Altri settori su cui i consumatori in Sicilia stanno orientando le proprie scelte sono quelli che riguardano vino e liquori, viaggi e pacchetti prepagati e, ancora, smartphone, calzature e prodotti per la pratica sportiva.

Il budget medio dei siciliani aumenta fino a 162 euro

“Per quanto riguarda il budget per gli acquisti nell’isola – chiarisce il vicepresidente di Confcommercio Sicilia, Giuseppe Caruana – aumenta la quota di chi è intenzionato a spendere oltre 250 euro (dal 3,7 per cento al 7,4 per cento) mentre per i regali, quest’anno, si spenderà mediamente 162 euro procapite (140 euro nel 2022), poco meno rispetto alla media nazionale. Un’altra tendenza che si sta registrando è che si attingerà poco dalla tredicesima: secondo le stime che riguardano la Sicilia, solo una piccola parte sarà destinata ai regali (il 17,5 per cento), mentre il grosso se ne andrà per pagare tasse e bollette (25,7 per cento) e per le spese per la casa (22,8 per cento). Tra i canali di acquisto preferiti, Internet si conferma al primo posto e in aumento del 7 per cento rispetto all’anno scorso, nelle voci settoriali dell’indagine, ma cresce anche l’utilizzo dei negozi di vicinato (dal 38 al 42,2 per cento) e dei punti vendita della distribuzione organizzata (dal 49 al 52,4 per cento). Il quadro disegnato ci spinge a essere moderatamente ottimisti per questo periodo natalizio anche se non dobbiamo dimenticare che alcune anomalie del mercato potrebbero modificare parzialmente le stime per come sono state prefigurate”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli