fbpx

Rifiuti, energia, acqua. Le sfide ambientali del futuro in Sicilia

Troppi rifiuti vanno in discarica in Sicilia, siamo a quasi due terzi del totale. Troppe acque reflue finiscono in mare. Intervista a Giuseppe Mancini, coordinatore dei lavori dei comitati dell'evento: "Termovalorizzatori necessari, riutilizzare l'acqua per l'agricoltura"

Termovalorizzatori, depuratori, pannelli fotovoltaici, dighe e invasi. Temi fondamentali per lo sviluppo presente e futuro della Sicilia. Se ne parla in questi giorni a “Catania 2030”, evento contenitore che si svolge nei locali del centro fieristico “Le Ciminiere”, in tre giorni fitti di incontri e approfondimenti con aziende e con istituzioni, prima fra tutte la Regione Siciliana che ha organizzato un focus sull’energia.

Punto di riferimento

Catania 2030 è dunque un punto di riferimento per tematiche quali la transizione energetica, la sostenibilità, la resilienza, la valorizzazione dell’ambiente. Ne abbiamo parlato con Giuseppe Mancini, presidente dell’associazione ingegneri per l’ambiente e il territorio (Aiat) e coordinatore dei lavori dei comitati organizzatori dell’evento. “Catania 2030 è il nostro tradizionale appuntamento su temi quali la gestione sostenibile dei rifiuti, la rigenerazione delle aree urbane e tante altre tematiche strategiche” conferma Mancini.

Guarda il video

Due terzi di tutti i rifiuti in discarica

Tanti i punti dolenti di cui abbiamo parlato con Mancini, primo fra tutti i rifiuti: “Purtroppo nel nostro territorio una parte molto alta dei rifiuti, il 60 -65 per cento finisce in discarica, mentre andrebbe sviluppato un mercato delle materie prime e seconde in Sicilia per favorire lo sviluppo del riciclo”. Mentre la parte di rifiuti non riciclabili, secondo Mancini, va avviata ai termovalorizzatori, abbandonando una volta per tutte il conferimento in discarica. Un percorso su cui per altro sembra essere avviata la Regione Siciliana.

Necessari i termovalorizzatori

L’ingegnere Mancini argomenta la sua posizione: “Anche se la differenziata crescesse molto, ci sarebbe comunque una parte di rifiuti residuale” da gestire. Quindi il “recupero energetico” del rifiuto sarebbe preferibile alla discarica. In Sicilia le discariche sono in buona parte satura, e allora lo spettro potrebbe essere quello dell’invio all’estero: “Certo – dice Mancini – dobbiamo gestire in loco i rifiuti. Se non riusciamo a chiudere questo ciclo virtuoso saremo costretti a metterli su un treno o su una nave, e i relativi costi saranno inevitabilmente a carico dei cittadini”.

Leggi anche – Rifiuti, Musumeci rilancia l’inceneritore. “Unica soluzione contro le discariche”

Le multe per infrazione

A proposito di costi, la Sicilia paga già multe saltate a causa delle infrazioni europee su rifiuti e depuratori: “Siamo molto indietro anche sui depuratori – ammette Mancini – ma è iniziato un percorso virtuoso, finalmente si è partiti”. Sicuramente è un grave danno anche di immagine scaricare reflui in mare davanti ai turisti stranieri. “Certo, il nostro territorio non può permettersi queste cose, semmai dovrebbe recuperare i reflui per impiegarli in agricoltura magari nella zona a rischio desertificazione”.

Leggi anche – Depurazione in Sicilia, 1,8 miliardi per l’adeguamento. “Fine lavori nel 2026”

Acqua, problema cruciale

Il problema dell’acqua, anche in agricoltura, è cruciale e in questo periodo di siccità anche molto sentito, ma spesso le dighe sono intasate e non riescono a raccogliere e distribuire l’acqua in maniera ottimale. Mancini non nasconde il problema, ma sostiene che anche qui la Regione stia facendo “grandi passi per la manutenzione e il ripristino della capacità massima”. Dobbiamo richiedere con forza che chi amministra proceda con le azioni corrette, dice, “semplicemente copiando le buone pratiche da realtà vicine, non c’è bisogno di inventarsi nulla”.

Leggi anche – Agricoltura, il problema dell’acqua. Intervista a Corrado Vigo, agronomo

Energia dal sole con equilibrio

L’energia rinnovabile è certamente al centro dell’interesse, ma in Sicilia c’è già una polemica per i tanti progetti privati che prevedono l’installazione di enormi campi di pannelli fotovoltaici in terreni agricoli. “La transizione energetica è importante, ma da programmare”. L’energia che viene dal sole va utilizzata, dice Mancini, ma cercando di rispettare l’ambiente e l’agricoltura, “magari utilizzando aree degradate dove non è possibile coltivare nulla. Bisogna trovare un equilibrio tra le esigenze imprenditoriali e quelle della comunità”.

Leggi anche – Impianti fotovoltaici, la Cgil dice “no” al territorio ceduto alle multinazionali

Formazione e cultura per crescere

In conclusione Mancini inviata a essere positivi, ottimisti: “Serve cambiare approccio culturale. La Sicilia ha potenzialità immense”. Secondo Il presidente dell’Aiat è necessario “coinvolgere anche scuole e università per formare giovani che poi possano andare nelle amministrazioni pubbliche ed essere capaci con la loro competenza di accelerare i processi. Basti pensare che per una autorizzazione da noi servono tre o quattro anni, mentre altrove basta un anno o un anno e mezzo”. I cittadini, con la loro consapevolezza, “possono spingere i politici a fare scelte positive, e poi quando andranno a votare potranno scegliere i migliori”.

Turi Caggegi
Giornalista professionista dal 1985, pioniere del web, ha lavorato per grandi testate nazionali, radio, Tv, web, tra cui la Repubblica e Panorama. Nel 1996 ha realizzato da Catania il primo Tg online in Italia (Telecolor). È stato manager in importanti società editoriali e internet in Italia e all’estero. Nel 2013 ha realizzato la prima App sull’Etna per celebrarne l’ingresso nel patrimonio Unesco. Speaker all’Internet Festival di Pisa dal 2015 al 2018, collabora con ViniMilo, Le Guide di Repubblica e FocuSicilia. Etnalover a tempo pieno.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

18,249FansMi piace
313FollowerSegui
239FollowerSegui
- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Ultimi Articoli